martedì 31 gennaio 2012

Chi ti ha cancellato dagli amici 2 metodi facili facili...

Non si fa altro che parlare dello script miracoloso che consente di vedere chi ti ha cancellato dagli amici su Facebook: disponibile per tutti gli utenti del network in blu all'indirizzo userscripts.org/scripts/ show/58852, Unfriend Finder funziona egregiamente su Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Safari e finalmente anche Internet Explorer. Lo script installa un piccolo tool che ci informa quale tra i nostri amici sociali ci ha cancellato, nonchè chi si è disiscritto da Facebook (o magari gli è stato disattivato l'account). Tutto fila liscio? Si certo, a parte che la funzionalità offerta è replicabile in un paio di click grazie alla nuova Timeline di Facebook. Per chi l'avesse già attivata, basterà visualizzare il proprio profilo quindi fare click su un intervallo di tempo scegliendo un mese o l'anno 2011 appena concluso. In alto, accanto al nome utente, possiamo scorrere il menu a tendina Diario e selezionare gli amici: apparirà l'elenco completo nel frame centrale e, a sorpresa, un link per aggiungere ai propri amici proprio tra quelli che ci hanno cancellato. Eh si, ecco l'ennesimo problema di privacy della nuova interfaccia Timeline di Facebook, che presenta un numero maggiore di informazioni personali e correlate spesso nascoste dalla vecchia schermata del profilo. Provate questo trucco per sapere chi vi ha cancellato dagli amici di FB ma attenti a non additare chi avete già precedentemente cancellato voi stessi dalle amicizie: comparirà anche a lui il link per ri-aggiungerlo!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Valentino Rossi video Malesia e tempi ufficiali

Dopo l'exploit di ieri di Rossi su Twitter, con la pubblicazione in prima assoluta della nuova Ducati Desmosedici GP12 che prenderà parte al prossimo campionato in classe Moto1/MotoGP, Valentino è salito in sella per i primi test ufficiali in sella alla sua nuova Bat-Moto (non si era mai vista una Ducati così atipica e, soprattutto, nera). I risultati sono confortanti, tant'è che a guidare la classifica è Jorge Lorenzo che ha girato "solo" 7 decimi più forte del folletto di Tavullia. Ecco i risultati parziali con i tempi ufficiali sul circuito malese di Sepang:

1 Jorge Lorenzo (Yamaha)    - 2:01.657 (30 giri)
2 Dani Pedrosa (Honda) - 2:02.003 (48 giri)
3 Cal Crutchlow (Yamaha) - 2:02.221 (32 giri)
4 Ben Spies (Yamaha) - 2:02.234 (28 giri)
5 Valentino Rossi (Ducati) - 2:02.392 (43 giri)
6 Andrea Dovizioso (Yamaha) - 2:02.751 (20 giri)
10 Nicky Hayden (Ducati) - 2:03.151 (33 giri)
14 Casey Stoner (Honda) - 2:07.163 (4 giri)

Su Twitter intanto Valentino Rossi alias @valeyellow46 continua a cinguettare sul suo profilo ufficiale (twitter.com/valeyellow46) mentre su Facebook, l'altra metà del cielo sociale, tutto tace e le pagine con più Like, rispettivamente facebook.com/pages/valentino-rossi-the-doctor/9343938405 a quota 4.3 milioni e facebook.com/pages/Rossi-Valentino/50801001459 a quota 1.1 milioni non vengono aggiornate da tempo anche se continuano a raccogliere Mi Piace come se piovesse.
Qui sotto riproposta l'uscita dai box di Valentino Rossi in sella alla Desmosedici GP12 col tanto sospirato telaio perimetrale (video tratto da YouTube).



Ecco riportate le prime dichiarazioni di "ValeYellow46" dopo la prima giornata di test in Malesia: "Abbiamo risolto più problemi oggi in una sola giornata di test che in tutto il 2011, la moto è bellissima e finalmente riesco a guidarla e a divertirmi".

Qui un secondo video del funambolo #46 sulla sua Bat-Ducati:

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 30 gennaio 2012

Pinterest cos'è e come funziona?

Se non siete a digiuno di StumbleUpon di sicuro non disdegnerete nemmeno Pinterest, il nuovo social network nato per essere immediato e semplice da usare. Il concetto di fondo è quello che ogni utente ha associato un proprio spazio virtuale nel quale pin-are, ossia tenere traccia, delle foto ed immagini trovate navigando sul web. Si creano dei gruppi di fotografie, le board o tavole, le si cataloga ordinatamente e si permette o meno agli altri di seguirle, un pò come accade su Twitter e sulle ultime evoluzioni di Facebook. E' anche possibile retwittarle re-pinarle o mostrare apprezzamento con un Like fatto su una risorsa di un altro utente, esattamente come abitualmente facciamo sul network in blu. La cosa buona è la semplicità intrinseca di Pinterest, il brutto è che invece non si accede se non tramite invito. Per ottenerne uno, basterà però richiederlo su www.pinterest.com lasciando il proprio indirizzo email ed attendendo il link per l'invito alla registrazione. D'altra parte è interessante notare come la crescita esponenziale di questo nuovo network sociale stia oscurando il ben noto Google+ che, soprattutto, sarà utilizzato in chiave SEO anche per portare nuovo traffico ai propri siti o blog, visto che con i nuovi aggiornamenti Panda di Mountain View si è registrato un deciso calo generalizzato, anche qui su FB Italia, del numero delle visite complessive.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook Ipo

Mentre gli amici su Facebook si distraggono col passaggio obbligatorio al nuovo Diario/Timeline entro metà febbraio e che diventerà l'interfaccia standard del profilo di ogni utente iscritto al network, Mark Zuckerberg ha ben altro a cui pensare. Stando a quanto si vocifera, la gallina dalle uova d'oro dei social network presenterà mercoledi 1 febbraio 2012, ossia tra 2 giorni, la richiesta per l'offerta pubblica iniziale (Ipo) con la Goldman Sachs nei panni del sottoscrittore dell'offerta. L'idea è quella di innalzare il valore della società raccogliendo liquidi per circa 10 miliardi di dollari durante l'anno in corso e portando Facebook ad essere quotato (sul Nasdaq o Nyse, ancora non è chiaro) almeno 100 miliardi. Per avere un'idea dell'impatto di Facebook.com in borsa, basti pensare che nel 2004 il collocamento iniziale di Google aveva raccolto meno di 2 miliardi di dollari per una valutazione complessiva di circa 23 miliardi. Il prossimo passo sarà quello di sostituire il faccione di Benjamin Franklin sulla banconota da 100 dollari con quella di Zio Zuck!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

sabato 28 gennaio 2012

Facebook Timeline immagini cover

Visto l'imminente passaggio obbligato di tutti gli utenti alla nuova versione del profilo Facebook, chiamato Diario in Italia, Timeline nei paesi anglosassoni, quale migliore occasione per fare una piccola personalizzazione all'immagine che campeggia in alto sul nostro diario? Dopo la prima gallery pubblicata alcuni giorni fa (questo il post con le cover più belle) ecco qui sotto una seconda raccolta delle cover trovate su Google Immagini e adatte ad essere caricate sul profilo Facebook. La Timeline diventerà obbligatoria nell'arco di poche settimane, come è stato annunciato in queste ore sul blog ufficiale del network di Zio Zuck, nel quale si cerca di spegnere le polemiche sorte in relazione alla presentazione dell'intera vita mediatica dell'utente, che così potrebbe mostrare commenti, foto, partecipazioni a gruppi e Like di pagine compromettenti o che avrebbe preferito rimuovere anche dai suoi ricordi. Prima di rendere pubblico il vostro diario, avete una settimana di tempo per apportare le dovute modifiche e nascondere ciò che non volete mostrare ai potenziali 800 milioni di internauti registrati su Facebook: visto che ci siete cogliete anche l'occasione per modificare l'aspetto della Timeline così da rendere unico il vostro profilo blu!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 26 gennaio 2012

Anonymous attacca Facebook?

L'attacco ai server del social network di Mark Zuckerberg era inizialmente previsto per fine mese, si mormorava il 28 gennaio 2012, ma in queste ore con una mossa a sorpresa il gruppo Anonymous sembra aver anticipato gli eventi decidendo di attaccare Facebook.com mettendolo sotto scacco. L'offensiva è stata annunciata e smentita più volte su Twitter, e l'attacco massiccio di tipo DDos ha influito negativamente sui server del network in blu, mettendone fuori uso molti e causando malfunzionamenti a "macchia di leopardo", ossia Facebook funzionava a singhiozzo ed in modo alterno. Stranamente però alcuni tweet postati parlano di un attacco non da parte di Anonymous, visto che Facebook è utilizzato come strumento di comunicazione, mentre altri parlano di semplici interventi di manutenzione del social network degli 800 milioni di utenze. Insomma, nulla di confermato ma se avete problemi di login a FB, probabilmente potrebbe essere a causa di tentativi di attacco hacker ai suoi server... Sempre che gli ingegneri di Palo Alto non stiano effettivamente facendo manutenzione straordinaria.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 25 gennaio 2012

Terremoto al Nord, sismografi INGV e social network impazziti

Uno sciame sismico è stato registrato tra ieri sera e questa notte 25 gennaio 2012 a partire dall'una circa nel Nord Italia: preannunciato da scosse di magnitudo 2.9 nella zona di Verona, ha visto l'apice tra Parma, Mantova e Reggio Emilia questa mattina alle 9.00 con un picco di magnitudo 5. Il terremoto è stato avvertito distintamente anche a parecchi km di distanza dall'epicentro, ed in particolare a Genova, Milano e Torino, con migliaia di chiamate al 118 ed altrettanti messaggi di paura sui due social network più in voga del momento, Facebook e Twitter, preferiti di gran lunga a telefoni e cellulari per cercare notizie da parenti e amici e controllare la situazione. Fortunatamente, al momento non si contano danni ad abitazioni o persone, ma la situazione è imprevedibile. Così il sito dell'INGV, l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (non è presente su FB in modo ufficiale ma solo tante pagine e gruppi fake), è preso d'assalto così come L'European Mediterranean Seismological Center (emsc-csem.org/Earthquake/seismologist.php o facebook.com/EMSC.CSEM sul social network in blu) o la nostra pagina che contiene i sismografi e sismogrammi aggiornati in diretta in tempo reale. Sul sito IESN all'indirizzo iesn.it/index.php/mappe-eventi.html è presente la cronologia degli ultimi terremoti mappati tramite Google Maps, mentre è possibile vedere tutti i sismografi distribuiti sul territorio italiano suddivisi per regione con canali verticali, nord/sud ed est/ovest. Qui sotto riportiamo il tracciato relativo a Verona:

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 24 gennaio 2012

Facebook Timeline le cover più belle

Siete passati alla nuova veste grafica del vostro profilo? L'attivazione del Diario di Facebook rappresenta una rivoluzione, o quasi, di come è rappresentata la vostra vita sociale sul network in blu, ma se siete stanchi delle solite foto e immagini noiose, ecco qui una raccolta delle più belle cover per la Facebook Timeline trovate sul web. La fantasia di sicuro non manca, potete utilizzare le immagini trovate e customizzarle a vostro piacimento per ottenere una cover personalizzata della Timeline. In alternativa, potete sfruttare l'app online dedicata, quindi effettuate la login al network, quindi digitate nella barra degli indirizzi apps.facebook.com/timeline_covers. Qui sotto la nostra gallery delle foto per il Diario preferite...


Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 20 gennaio 2012

MegaUpload e MegaVideo chiusi, Anonymous contrattacca l'FBI

La chiusura disposta dall'FBI nella nottata ai siti di video e file sharing MegaVideo, MegaUpload, MegaP0rn e MegaClick ha scosso la rete riguardo i temi di protezione dei contenuti tutelati dal copyright, come ebook pdf, film, videogame e software proprietario: il proprietario Kim "Dotcom" Schmitz ed i vertici della sua società sono stati arrestati e rischiano fino a 50 anni di carcere con diverse accuse, tra le quali spiccano l'associazione a delinquere finalizzata all'estorsione, il riciclaggio e la violazione dei diritti d'autore. Manco a dirlo, a seguito dell'annuncio della chiusura di MegaUpload è scattato l'assalto del gruppo hacker Anonymous a tutta una serie di siti istituzionali e che si sono apertamente schierati contro la pirateria sul web, portando in poche ore alla chiusura per DDos ai siti MPAA.org (Motion Picture Association of America), Universal Music, Belgian Anti-Piracy Federation, RIAA.org (Recording Industry Association of America), FBI.gov, Universal Music France, il sito della Casa Bianca, la BMI, la Warner Music Group nonchè il Dipartimento di Giustizia USA. Nel più grande attacco combinato di sempre, contro la SOPA/PIPA e le prossime leggi per la tutela del copyright sul web, è stato un gesto di rappresaglia volto a colpire siti governativi e l'industria della musica, ed è stato annunciato in diretta come al solito sul social network Twitter dall'hashtag #OpMegaUpload e sul sito anonops.blogspot.com. Attualmente circola un indirizzo IP (109.236.83.66) che però non risulta in alcun modo collegato ai vecchi server MegaUpload/MegaVideo, quindi si tratta presumibilmente di un tentativo di phishing: consigliamo tutti di evitare la navigazione sia sul sito segnalato che sulle centinaia di pagine-fake aperte in questi minuti su Facebook.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 19 gennaio 2012

Facebook, Google Plus e Twitter

Altro che Plus, la vera alternativa al social network di Mark Zuckerberg è proprio Twitter, il micro-network dei 140 caratteri, dei followers e soprattutto dei personaggi famosi. Stando semplicemente ai dati di login, Facebook vola alto e prevede il miliardo di utenze entro pochi mesi, mentre Twitter è in grande recupero, potendo contare su una platea di 465 milioni di login totali (previsto mezzo miliardo entro marzo 2012) e soprattutto sull'assenza o quasi di account doppioni o aziendali. Sul terzo gradino del podio, in deciso affanno rispetto ai record delle prime settimane, resta Google Plus che punta forte sull'integrazione con gli altri servizi messi a disposizione da Mountain View, primo tra tutti Google Mail/Talk, YouTube e la ricerca personalizzata sul web, ma che prova a farsi largo proprio tra le aziende, campo nel quale al momento Facebook eccelle. Il tutto senza considerare il mercato cinese, vera miniera di utenti sulla quale però ancora nessuno dei tre è riusciuto a metterci mano. Qui in basso, il grafico tratto da Insight for Search mostra l'interesse nel tempo di Facebook, Twitter e Google Plus dal 2004 ad oggi: inutile aggiungere commenti, lo strapotere mediatico del network in blu non ha al momento rivali!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 16 gennaio 2012

Costa Crociere su Facebook e Twitter

Sospetti e veleni sulla pagina ufficiale Facebook della Costa Crociere: dopo il collasso del sito web della società, a causa dei troppi contatti dopo la tragedia della nave Concordia al largo dell'Isola del Giglo, è la stessa Costa Crociere ad utilizzare le proprie pagine su Twitter e Facebook per tenere aggiornati gli internauti sulla situazione della Concordia in tempo reale. Peccato però che i migliaia di commenti vengano ciclicamente "depurati" da uno staff addetto alla pulizia della stessa pagina, un pò come avviene ovunque sul social network in blu per mettere freno ad una specie di linciaggio mediatico che inevitabilmente accompagna tragedie come questa. Al momento, su Facebook la pagina di Costa Crociere è visitabile dopo il solito login al network digitando l'indirizzo facebook.com/CostaCrociere e può contare su circa 142.000 Mi Piace e 1.277 commenti, mentre su Twitter l'account di riferimento è twitter.com/costacrociere (@costacrociere) e conta 3377 followers. Riportiamo qui sotto parte dell'ultimo comunicato pubblicato 12 ore fa sul social network in blu:

Comunicazione Importante - Costa Concordia Isola del Giglio -

Costa Crociere ribadisce il suo più profondo dolore per questo terribile incidente che ha colpito i suoi affetti più cari: i suoi ospiti, i suoi dipendenti, una propria nave; si scusa per le sofferenze e il disagio che queste persone hanno subito e porge le più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime accertate.

[... ]

Il Comandante Francesco Schettino, che era al comando di Costa Concordia, è entrato in Costa Crociere nel 2002 come ufficiale responsabile della sicurezza e promosso comandante nel 2006, dopo essere stato comandante in seconda. Come tutti i comandanti della flotta egli ha partecipato ad un continuo programma di aggiornamento e addestramento ed ha superato positivamente tutte le verifiche di idoneità previste.

Come già reso noto, la Magistratura, con cui Costa Crociere sta collaborando, ha disposto il fermo del Comandante, verso il quale sono state mosse gravi accuse. Sembra che il comandante abbia commesso errori di giudizio che hanno avuto gravissime conseguenze: la rotta seguita dalla nave è risultata troppo vicina alla costa, e sembra che le sue decisioni nella gestione dell’emergenza non abbiano seguito le procedure di Costa Crociere che sono in linea e, in alcuni casi vanno oltre, gli standard internazionali.

[...]

A bordo di Costa Concordia e di tutte le navi Costa sono disponibili giubbotti di salvataggio, lance e zattere in numero superiore al massimo delle persone che possono essere ospitate dalla nave. Nelle lance sono presenti dotazioni di sicurezza, come riserve d’acqua e cibo, cassette medicinali e strumenti di segnalazione e comunicazione, che consentono di aspettare in sicurezza l’arrivo dei soccorsi. Le lance sono inoltre oggetto di scrupolose verifiche periodiche da parte del personale della nave e degli organismi di certificazione. Tutte le navi Costa Crociere sono certificate dal RINA e sono costruite secondo i più elevati standard e tecnologie.

In seguito all’incidente, Costa Crociere è intervenuta immediatamente per impedire un potenziale impatto ambientale e sin dalla giornata di sabato si sta avvalendo della società leader al mondo nel settore, Smit & Salvage, con cui sta elaborando un piano di interventi; le azioni immediate a breve termine sono consistite nel realizzare una barriera di contenimento attorno allo scafo.

La Magistratura ha sottoposto a sequestro la nave e la VDR – la cosiddetta “scatola nera”. Costa Crociere può quindi accedere alla nave solo con l’autorizzazione delle autorità.



Qui in basso la rotta effettiva seguita dalla Costa Concordia la sera del 13 gennaio 2012 e quella usualmente seguita:



Per seguire in tempo reale (in realtà i dati sono aggiornati ogni ora) le rotte delle navi nel Mediterraneo ed in tutto il mondo, c'è il sito MarineTraffic.com che, integrando Google Maps, ci fornisce i dati GPS delle navi in navigazione e quelle ormeggiate. Per sapere, ad esempio, la posizione della Costa Serena, gemella della Costa Concordia (goo.gl/9clj7), basta digitare nella barra del vostro browser goo.gl/wAODl oppure goo.gl/nwlrh (per la Costa Fortuna) ed ottenere una rilevazione sulla mappa di questo tipo:



Infine, due foto scattate nella serata di ieri che ritraggono la Costa Serena che passa vicina alla Costa Concordia e diretta a Savona... C'era davvero bisogno di un inchino all'isola del Giglio così ravvicinato da mettere in pericolo la vita di oltre 4.000 persone?



Su Facebook.com c'è anche chi si scaglia apertamente contro Domnica Cemortan, la misteriosa donna moldava vista cenare col comandante Schettino durante il naufragio della Concordia. E' 25enne, dipendente della Costa Crociere e si trovava sulla nave, ma fuori servizio, ossia in vacanza nella tragica crociera partita il 13 gennaio scorso. Non pubblichiamo nè riportiamo i numerosi "commenti" riguardanti Schettino e Domnica, ma potete farvi un'idea di cosa si può leggere sul network e sui siti di news online in queste ore...

Segnaliamo il post sul blog ufficiale di Costa Crociere scomparso e riapparso in poche ore dopo la sciagurata manovra all'Isola del Giglio e le polemiche seguite: all'indirizzo blog.costacrociere.it/post/Costa-Concordia-festeggiata-davanti-a-Procida.aspx è possibile leggere dell'inchino avvenuto a Procida lo scorso 26 settembre 2010. Qui sotto due delle tante foto che girano sul web riguardanti gli inchini delle navi da crociera Costa, rispettivamente all'Isola di Ponza ed ai Faraglioni di Capri, e la rotta seguita al Giglio lo scorso 14 agosto 2011.





Nel video qui in basso, la simulazione al computer del naufragio della Costa Concordia col software Transas Navi Trainer Pro 5000 Simulator (goo.gl/48xy9) basato sui dati del tracciato AIS reale.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 13 gennaio 2012

Anonymous attacca italia.gov.it e governo.it

Il gruppo hacker Anonymous ha attaccato nella giornata di ieri i siti governo.it e italia.gov.it mettendoli fuori uso (DDoS, negazione distribuita del servizio) nell'operazione denominata dallo stesso gruppo come #OperationItaly. In pratica, generando un grosso numero di accessi ai server, gli stessi collassano diventando irraggiungibili: un pò come accade talvolta anche ad altri siti che sottostimano il numero di connessioni e che finiscono per saturarne le risorse. Ad andare giù, come scritto, due siti istituzionali della politica italiana, accusata di "sventolare parole a lungo agognate quali equità, giustizia sociale e rigore" ma di non aver dimostrato coi fatti quanto promesso, ed il sito neo-fascista casapound.it. Il comunicato rilasciato dagli hacker sui social network, Twitter in particolare, termina con un avvertimento: "Anonymous e tutti i cittadini liberi e consapevoli non resteranno a guardare". Ecco qui sotto un video rilasciato sul network YouTube, mentre se volete maggiori informazioni sugli attacchi hacker DoS, potete dare uno sguardo alla pagina Wikipedia it.wikipedia.org/wiki/Denial_of_service. Per essere sempre informati sulle iniziative degli Anonymous, il sito italiano di riferimento è anon-news.blogspot.com.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 12 gennaio 2012

Facebook-maniaci, arredamento in casa

Il vostro primo pensiero alla mattina è tenere aggiornato il vostro profilo sul social network in blu? Allora il Facebook-Bed, o FBed, è quello che fa per voi: una sorta di scrivania-letto a forma di "f" creata dai designer della DevianTom che vi permette di restare sempre collegati al vostro amato libro delle facce, dato che include il supporto per un monitor. Se poi volete esagerare, alla modica cifra di circa 20 euro c'è anche la tendina della doccia che riproduce il profilo su Facebook, in vendita sul sito spinninghat.com, o le innumerevoli tazze-tazzine-e-stoviglie con il logo del social network, reperibili un pò ovunque anche sullo stesso Ebay. Insomma, per i cosiddetti FB-addicted c'è di che sbizzarrirsi...

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 11 gennaio 2012

Su FB la suoneria fa crescere il seno...

Ci siamo di nuovo: su Facebook ciclicamente tornano sulle nostre bacheche, o in quelle dei nostri amici, i rimedi per accrescere il seno di una o due taglie. Stavolta la soluzione non è in una bevanda magica (Birra Bohza) nè in un biscotto (F-Cup Cookies), ma in una semplice suoneria per cellulare la quale, ascoltata almeno una volta al giorno per dieci giorni consecutivi, riuscirebbe ad aumentare il seno di una taglia o più. L'idea viene da uno scienziato giapponese, tale Hideto Tomabechi, il quale assicura che la suoneria fa effettivamente crescere il seno, in quanto viene interpretata dal cervello femminile come il pianto di un neonato: a fronte di questo "stimolo" vengono prodotti alcuni ormoni che hanno come effetto l'aumento desiderato. Manco a farlo apposta, indovinate quale suoneria è tra le più scaricate ogni volta che la notizia-bufala riappare su Facebook.com o sugli altri social network?!? Indovinato, è proprio lei. Per chi se la fosse persa, ecco un video, tratto da YouTube, che riporta la suoneria miracolosa che fa crescere il seno:

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 10 gennaio 2012

Extreme Vibe Pro BMX bike su ebay

Venditore geniale o pura casualità? Su Ebay è apparso da un pò di tempo un annuncio di vendita "Extreme Vibe Pro BMX" relativo ad una bicicletta usata al prezzo di 32 sterline, pari a circa 38 euro, con tanto di foto. In poco tempo però è diventato l'annuncio Ebay più visto in assoluto anche grazie alla fotografia della bici Bmx: nulla di particolare, sia ben chiaro, a parte la presenza sullo sfondo di una ragazza in minigonna che mostra parte del sedere, essendo lei piegata e di schiena. Manco a farlo apposta, il tamtam si è diffuso dapprima su alcuni siti e testate online (herefordtimes.com ma anche la repubblica.it), fino ad approdare inevitabilmente su Facebook dove la condivisione di siti e link avviene ad una velocità spaventosa, anche grazie agli 800 milioni di utenti registrati sul social network. Per la cronaca, il venditore pmdmoeyp ha il 100% di feed positivi (ha già venduto l'oggetto #170737372702) ed aggiunge che sarebbe un bellissimo regalo per Natale visto che la bicicletta è dotata dei supporti sulla ruota posteriore per effettuare le acrobazie... In perfetto stile "a bombaaazzaaa!!!" ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'