mercoledì 30 novembre 2011

Google scommette su Plus ma...

... obbliga i nuovi utenti a fornire un numero di telefono cellulare! Un bel paradosso, soprattutto per chi non ha un account GMail attivo e deve registrarne uno partendo da zero. Il processo di registrazione fila liscio, basta fornire un indirizzo email già esistente ed una password di accesso abbastanza robusta (caratteri maiuscoli, minuscoli e simboli sono fortemente consigliati), ma, dopo la conferma tramite email avviene il patatrack: è richiesto un numero di telefono cellulare al quale spedire un sms con il codice di sblocco dell'account. Se, tempo fa, era la stessa Google a rassicurarci che gli algoritmi anti-spam funzionavano solo per alcuni provider a più alto rischio, col tempo sono rientrati nel gruppo anche l'usatissimo @libero.it... In pratica, Google da una parte vorrebbe portare nuovi utenti sul suo social network Google+ mettendo banner anche in homepage sul suo motore di ricerca, dall'altro però si rifiuta di aprire nuovi account ai servizi di Mountain View se non costringendo gli stessi a fornire dati reali con tanto di numero di telefono. E Facebook invece? Chiede direttamente la fotocopia della carta di identità per gli account bloccati e segnalati come falsi... Per la gioia degli internauti che, nel 99% dei casi, si rifiutano di fornirli ed aprono nuovi profili cloni dei precedenti :(

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 29 novembre 2011

Facebook vale 100 miliardi

In barba alle persistenti polemiche riguardanti la privacy degli utenti, Facebook si appresta a sbarcare in borsa... ma senza troppa fretta. Questo perchè i "capricci" di Mr. Zuckerberg nella gestione dei dati privati degli iscritti al network potrebbero far oscillare il valore dei titoli scambiati ad ogni nuova magagna rivelata. Inoltre, FB sta pensando di aumentare di 10 miliardi di dollari la sua offerta pubblica iniziale (IPO, Initial Public Offering), cosicchè la valutazione complessiva del social blu arriverebbe alla cifra tonda di 100 miliardi di dollari, il 50% in più di quanto previsto solo 11 mesi fa e record per una azienda che lavora nel campo dell'Information Technology. La situazione in Italia del giocattolo di Mark Zuckerberg è tutta rose e fiori, e nello specifico si parla di oltre 21 milioni di utenti attivi, dei quali i due terzi effettuano almeno un login quotidianamente, a fronte di una platea di naviganti pari a 27 milioni complessivi: praticamente Google, la home page predefinita della stragrande maggioranza degli internauti italiani, sta per essere raggiunto da Facebook in quanto ad utilizzo del servizio. Il boom degli apparecchi mobili, tipo smartphone o iPod/iPad/iPhone, porta ulteriore traffico dati sul network in blu che, oltretutto, utilizzano in modo massiccio anche le applicazioni espressamente dedicate ai device mobili ed i giochi per Facebook... Per la gioia di chi investirà nelle azioni di Palo Alto e di chi non ha a cuore l'anonimato sul web, visto che negli immensi database della società sono raccolte tante di quelle informazioni che l'utente medio nemmeno immagina.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 28 novembre 2011

Molla, civetta coccolona su Facebook e YouTube

Un video che sta letteralmente spopolando su YouTube e, di riflesso, su Facebook: quello di Molla, una civetta comune di 8 mesi nata in cattività ed allevata dal gruppo dei Falconieri delle Orobie, super-coccolona di carattere e che sembra gradire in modo particolare le carezze. Il video del Lovely Owl, gufetto grazioso, ha raggiunto in poche settimane le 6,6 milioni di visualizzazioni e la pagina Facebook di Nura-T, alias Giuseppe Pantano Arnone, l'autore della ripresa di Molla, è a quota 1524 Mi Piace e raggiungibile dopo il consueto login al network in blu all'indirizzo facebook.com/TheNuraT. Per chi se lo fosse perso, questo è il video di Molla la coccolona, andato in onda anche sui telegiornali nazionali delle reti Mediaset, incluso Studio Aperto ed il TG5 del 30 novembre 2011:

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 25 novembre 2011

Nuova tassa su cani e gatti?

Sembra che il nuovo Premier Monti e tutto lo staff di pseudo-Ministri tecnici confonda troppo spesso la parola "riforme" con le quattro funestissime "nuove tasse ai cittadini". E gli ultimi rumors riguardano nientemeno il redditometro, lo strumento per fare i conti in tasca agli italiani introdotto per il momento solo in via sperimentale, che elencherebbe tra i beni di lusso persino i nostri amici domestici a 4 zampe, vale a dire sia i cani che i gatti. E allora perchè escludere i pesci rossi o le tartarughine? Ma sì, mettiamo nuove tasse su tutto! Su Facebook, manco a dirlo, si è diffuso il malumore su tantissime bacheche degli iscritti al social network, e gli fa eco Twitter, che spesso e volentieri (anche a causa delle limitazioni a 140 caratteri nei messaggi) non usa mezzi termini per descrivere l'ennesimo furto ai danni degli italiani da parte dei nostri politici. Dalla parte dei cittadini c'è l'Associazione Italiana per la Difesa degli Animali e dell'Ambiente (AIDAA) che parla di nuove stangate per chi ha in casa animali domestici, in particolare aumento dell'Iva di 1-2% sulle prestazioni veterinarie, sugli alimenti ed accessori, che va a sommarsi alla prossima tassa comunale sul possesso dei cani per coprire i buchi di bilancio e le spese dei comuni per le sterilizzazioni. A placare gli animi ci ha pensato il Dr. Attilio Befera, direttore dell'Agenzia delle Entrate dal lontano 2008, che ha smentito le insistenti voci sulle nuove tasse sugli animali domestici. C'è da credergli???

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 24 novembre 2011

Google+ non decolla

Che succede a Google+? Il gioiello dei social network, un passo avanti tecnologico non indifferente rispetto alla concorrenza dei vari Facebook, Badoo, Twitter, LinkedIn, Netlog e compagnia bella, non sembra riscuotere troppi consensi tra gli utenti. Eppure gli ingredienti che hanno reso vincente lo stesso giocattolo di Mark Zuckerberg ci sono tutti, inclusa la spinta non indifferente data dal link diretto sulla homepage del motore di ricerca Google al proprio social network made in Mountain View. I numeri record del debutto sul web di Plus sono ben presto passati in secondo piano: l'espansione di G+ si è arrestata così come la partecipazione attiva degli utenti nonostante le continue migliorie apportate al progetto anche grazie ai suggerimenti degli stessi sul piano della privacy e dell'integrazione dei video (a costo zero, dato che con YouTube si gioca in casa), mentre al contrario, su Facebook si continua a taggare, ad iscriversi a gruppi e pagine nonostante i malumori della privacy calpestata ad ogni modifica apportata da Palo Alto. Per non parlare dell'accoglienza tiepida avuta dallo stesso account di Mr. President (Barack Obama) su Plus... E che dire delle pagine su Google+ dedicate alle aziende ed aperte in tutta concorrenza con quelle ufficiali ospitate su FB che contano decine di migliaia di followers ognuna? Le basi ci sono tutte, la tecnologia anche, il supporto e la facilità di utilizzo anche, ma per decretare il successo di G+ rispetto alla concorrenza c'è bisogno di altro: quello che in televisione chiamano X-Factor o semplicemente il fattore "C"?

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 23 novembre 2011

Paola Caruso Claudia Ruggeri, da Avanti un altro a Facebook

Paola Caruso e Claudia Ruggeri nuove stelline di Facebook in Italia: le due vallette di Avanti un altro, trasmissione condotta da Paolo Bonolis e disturbata da Luca Laurenti, stanno facendo impazzire gli internauti per via delle loro apparizioni nel programma preserale di Canale 5.

La prima, Paola Caruso, è la distrattrice degli stessi: mentre Bonolis legge le domande, lei si adopera in massaggi e strofinamenti vari con tanto di decollette in bella mostra.

La seconda invece, Claudia Ruggeri, interpreta una professoressa/supplente che pone domande di vario genere ai fortunati concorrenti di turno: l'avevamo già vista in una sfilata di intimo a Ciao Darwin, sempre con la premiata ditta Bonolis-Laurenti, nella puntata Roma contro Milano... Meravigliosa!

Su Facebook i fans delle due ragazze non mancano di sicuro: tra le pagine ed i gruppi che parlano di Avanti un altro, segnaliamo facebook.com/pages/Paola-Caruso-Fan-Club/288394044510901 che arriva a 965 Mi Piace, facebook.com/pages/Paolo-Bonolis-E-Luca-Laurenti-Fans-Club/169983886377207 a quota 342 likers, o facebook.com/pages/Avanti-un-altro/282981701716557 che supera le 17.000 unità, mentre per la professoressa Claudia non abbiamo un vero e proprio gruppo ufficiale sul social network in blu.



E voi tra Paola Caruso e Claudia Ruggeri quale preferite? La mora o la bionda? La prof o la bonas?

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 22 novembre 2011

Gradi separazione Facebook, addio privacy

Ricordate il caro vecchio gioco su Facebook per calcolare quante persone ci dividono da un personaggio famoso? In pratica, dati due utenti prefissati, era quasi sempre possibile generare un elenco di amicizie tali che gli amici degli amici (degli amici) dell'uno avessero in comune almeno una persona con l'altro utente. I gradi di separazione "teorici" erano 6-7 fino a pochi anni fa, ma oggi col boom di Facebook, che dall'alto dei suoi 800 milioni di iscritti e con il numero medio di amicizie in straripante crescita, la soglia degli utenti che separano 2 persone sul social network in blu si è abbassata drasticamente a 4.7, ossia meno di 5! In pratica non importa se viviamo in un'isola sperduta dell'Oceano Pacifico o al Polo Nord: se decidessimo di entrare in contatto con un personaggio famoso su FB, ci basterebbe richiedere 4 amicizie in modo oculato per risultare nel suo elenco delle persone che potrebbe conoscere e, quindi, a causa degli algoritmi socialmente espansivi dello stesso network, ricevere un suggerimento per chiedervi l'amicizia o viceversa. Incredibilmente, se volessimo connettere due persone dello stesso stato, ad esempio due italiani, ci basterebbero meno di 3 "salti" per effettuare la connessione tra i due. La tendenza per il grafo delle amicizie su Facebook è quella di rendere lo stesso sempre più completamente connesso: di questo passo nel giro di pochi anni saremo tutti amici di tutti e le restrizioni sulla pubblicazione di post, messaggi e foto potrebbero risultare inutili. L'idea delle cerchie di amicizie, introdotte da Google+ e copiate pari pari dagli ingegneri di Facebook, è dunque volta a migliorare, col passare del tempo, la gestione della privacy e la condivisione delle proprie informazioni personali solo con chi vogliamo noi.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 21 novembre 2011

Guida Facebook per uomini e donne

Da una settimana sulle pagine del Corriere.it sono apparsi due decaloghi divertenti riguardanti il social network più in voga del momento, Facebook.com. Le dieci regole d'oro, scritte per le donne e controribattute per i soli uomini iscritti, evidenziano un modo di essere sociali del tutto particolare per gli internauti di un sesso rispetto all'altro. Ecco qui i due decaloghi, rispettivamente per Donne:

  1. non mettere continuamente foto di gatti e micetti vari... perchè FB trasforma inspiegabilmente le donne in gattare?!?
  2. non scrivere frasi prese da libri e film noiosi che solo voi avete letto e visto... siate originali!
  3. abolite i ninnoli a Natale, le uova ed i coniglietti a Pasqua, le zucche ad Halloween e soprattutto i paesaggi presi pari pari da Google Images.
  4. non chiedetevi il motivo delle richieste di amicizia di tutto il carcere di Poggioreale quando mettete migliaia di foto in bikini strepitosi che lasciano poco spazio all'immaginazione...
  5. nella chat di FB siate SINTETICHE: i blocchi di 6 frasi per volta e le faccine che esprimono ogni possibile sfumatura dell'animo umano alla lunga possono provocare nausea nel vostro interlocutore
  6. non spammate qualunque genere di link vi passi per la testa, dai video delle canzoni d'amore di Antonacci alle ricette di nonna Pina
  7. non illudetevi che a qualcuno interessi sul serio ciò che diciamo: su Facebook ci si va per impicciarsi degli ex fidanzati o per rifarsi gli occhi con ragazze in bikini come scritto sopra... il resto è solo fuffa!
  8. non denigrare continuamente il proprio ex ragazzo con frasi allusive e tendenziose, per due buoni motivi: lui se ne frega e sta sicuramente tacchinando un'altra meglio di voi
  9. evitate di scrivere "si parteeeeee" quando andate in vacanza
  10. il mondo è fuori!
Questo invece il contro-decalogo per Uomini:
  1. i gatti sono affascinanti, intelligenti e soprattutto indipendenti: uomini, prendete esempio!
  2. non dovete dimostrare a tutti i costi di essere impegnati, originali e irresistibilmente intelligenti: alternate le citazioni di Platone con qualche battuta divertente ogni tanto!
  3. non dovete dimostrare a tutti i costi di avere un gusto eccellente, squisito, raffinato... Ogni tanto va bene anche la puffetta sexy!
  4. non pubblicate vostre foto di 20 e più anni fa, con molti più muscoli e capelli... la verità prima o poi viene a galla!
  5. in chat siate COMUNICATIVI: Facebook è un SOCIAL network, non un telegrafo senza fili!
  6. riducete il numero di post e foto volgari che secondo voi fanno ridere
  7. se effettuate il login a FB solo per vedere belle ragazze in bikini siete messi proprio male: meglio iscriversi in palestra!
  8. se l'ex-fidanzato si dissolve come neve al sole, l'unico modo per insultarlo resta il caro vecchio FB!
  9. Facebook, è nato per condividere, soprattutto i momenti positivi: chi non è disposto a farlo, ha sbagliato network
  10. senza donne il mondo (sia reale che virtuale) sarebbe di una noia immensa: meditate, uomini, meditate!

In redazione, dopo la lettura delle 10 regole e del relativo contro-decalogo, si è scatenata una battaglia a suon di "questo lo fai anche tu"... Ineccepibili i primi dieci motivi, anche se alcune esagerano davvero, mentre è evidente come i maschietti sul network pensino ad una cosa sola ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

sabato 19 novembre 2011

Facebook chat nuove faccine

A richiesta, ri-pubblichiamo dopo lo scorso post di 2 anni fa, l'elenco completo delle faccine disponibili nella nuova chat di Facebook, incluse il Like, la "42", il pinguino e la faccina del robot. Ecco l'elenco con tutte e 27 le faccine Facebook (emoticon) con la sequenza di tasti più semplice da clickare per ottenerli:

sorriso :)

triste :(

linguaccia :P

risata :D

stupito :o

occhiolino ;)

occhiali B)

occhiali da sole B|

dolore >:(

incerto :/

lacrime :'(

diavoletto 3:)

angioletto O:)

bacio :*

cuore <3

contento ^_^

ammicca -_-

confuso o.O

XD contrariato >:O

pac-man :v

broncio :3

robot :|]

squalo (^^^)

pinguino <(")

42 :42:

Chris Putnam :putnam:

Mi Piace Like (y)

Putnam è uno degli sviluppatori di FB, mentre il 42 è la risposta alla Domanda fondamentale sulla vita, sull'universo e tutto quanto: date uno sguardo a it.wikipedia.org/wiki/La_risposta_alla_domanda_fondamentale_sulla_vita,_l%27universo_e_tutto_quanto per maggiori dettagli, oppure digitate "answer to life the universe and everything" sul motore di ricerca Google per leggere cosa risponde il guru del web tramite la sua calcolatrice... ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 17 novembre 2011

OpenSUSE 12.1 rilasciata

Rilasciata nella giornata di ieri l'ultima release di OpenSUSE Linux, arrivata alla versione 12.1. Con questa versione di "Suse" sono state introdotte tantissime novità, tra le quali spiccano senza dubbio il Kernel Linux 3.1, gli ambienti grafici KDE 4.7 e Gnome 3.2, il quale pensiona l'ormai collaudatissimo ma vetusto Gnome2. OpenSUSE 12.1 promette di ridurre ulteriormente i tempi di avvio del proprio PC e supporta nativamente come filesystem sia Ext4 che il nuovo promettente BTRFS. Tra i software già inclusi nel pacchetto troviamo Mozilla Firefox 7, Libre-OpenOffice 3.4.2, il lettore multimediale Amarok 2.4.3, il compilatore GCC 4.6 ed X.Org release 7.6. E' possibile provarlo da Live-CD (ossia senza installare niente nel proprio computer ed eseguendo il sistema operativo tramite lettore ottico) eseguendo il download delle versioni LiveKDE o LiveGnome all'indirizzo software.opensuse.org/121/it. Vantaggi rispetto a Microsoft Windows? Maggiore velocità e stabilità del sistema, assenza di antivirus e programmi che rallentano i comuni pc, compatibilità tramite il software Wine con i .EXE di Windows stesso... e soprattutto è gratis, quindi niente registrazioni, WPA, crack o numeri seriali di alcun genere: vi sembra poco?!
Se infine volete diventare fan su Facebook del camaleonte verde, la mascotte storica del sistema operativo Novell, potete effettuare la login a FB quindi digitare l'indirizzo facebook.com/OpenSUSECentral oppure richiedere l'iscrizione al gruppo facebook.com/groups/opensuseproject.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook XSS, eliminate le foto

Facebook riesce a mettere fine al dilagare delle foto scabrose ed oscene nelle pagine dei propri iscritti apparse nei giorni scorsi all'insaputa dei proprietari delle stesse. La causa di tutto? Una vulnerabilità all'XSS (Cross-site scripting) che è stata sfruttata da alcuni hacker per pubblicare contenuti impropri su migliaia di bacheche, vulnerabilità che è stata isolata e bloccata dai tecnici di Palo Alto. Del tutto estranei alla vicenda i famosi hacker Anonymous, i primi ad essere additati come presunti responsabili dell'accaduto, che però pianificano da tempo un attacco in grande stile proprio ai danni di Facebook per tutelare la libertà del web e porre fine al suo dominio mediatico. Tra le ultime gesta degli Anonymous annoveriamo gli attacchi DDoS contro Paypal, MasterCard, Visa, Amazon e la banca svizzera PostFinance come rappresaglia per il caso WikiLeaks, oppure l'attacco dello scorso giugno ad AgCom per battersi a favore della libertà di informazione e di internet, o la recentissima Operation Darknet, per sconfiggere la pedopornografia online.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 16 novembre 2011

Facebook sotto attacco hacker

Il giocattolo di Mark Zuckerberg è sotto attacco: migliaia di utenti hanno visto in questi giorni postare nelle proprie bacheche Facebook immagini esplicite a sfondo sessuale senza aver fatto nulla di inconsueto. I sospetti, subito smentiti "ufficialmente", sono ricaduti sul gruppo hacker degli Anonymous che non sono nuovi ad iniziative clamorose sul web e sui social network, ma stavolta sembrano non essere loro i colpevoli. Intanto dal quartier generale del network FB è in corso una indagine approfondita per risalire alle cause, mentre lato utenti partono denunce a raffica: immaginate cosa possa voler dire la pubblicazione di foto e link di tale genere su chi usa Facebook per scopi professionali... Un'ecatombe o giù di li! Dal network tramite una nota ufficiale fanno sapere che la priorità attuale è difendere gli utenti che si loggano al social network dallo spam e dai contenuti malevoli, rimuovendo prima possibile qualunque materiale possa violare i termini di utilizzo di Facebook.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 14 novembre 2011

Facebook costretto alla privacy

Facebook è un esempio lampante di come il successo di un servizio non vada di pari passo con la soddisfazione degli utenti che lo utilizzano: mai un social network è stato tanto criticato dal punto di vista della privacy dai propri utilizzatori, eppure i record di iscrizioni a FB testimoniano la bontà di fondo del progetto. La situazione però potrebbe cambiare entro breve: al quartier generale di Palo Alto si sta lavorando per una rivoluzione (l'ennesima) riguardante le impostazioni della privacy degli utenti per evitare ulteriori interrogazioni parlamentari negli Stati Uniti, nonchè denunce e salate multe, come accaduto costantemente negli ultimi anni. Le informazioni personali degli iscritti dovranno essere garantite prima ancora che siano inoltrate (sfruttate) da società terze: è questo l'accordo raggiunto tra Mark Zuckerberg e le autorità USA, nello specifico la Federal Trade Commission, che vorrebbero mettere fine ad anni di soprusi e malumori. Il nocciolo della questione è il principio della Opt-Out: in sostanza, quando dal network vengono cambiate alcune impostazioni di visibilità dei messaggi di stato in bacheca nonchè delle foto o del proprio stato sentimentale, per portare alcuni esempi, tali modifiche non possono essere retroattive e non possono forzare precedenti scelte di condivisione da parte degli utenti. Al contrario, il principio della Opt-In vorrebbe una conferma esplicita dagli utenti, ossia una autorizzazione, per poter applicare nuove policy di condivisione delle informazioni.
Così come già successo per Buzz, l'accordo prevede altresì la possibilità per società esterne di poter controllare nel tempo le policy adottate e segnalare eventuali anomalie ad entrambe le parti: insomma, senza più forzature dalla stessa Facebook, sarà cura degli utenti porre attenzione a ciò che si vuole concedere da ciò che non si autorizza a rendere pubblico dei propri dati personali caricati sul social network di Zio Zuck... e finalmente gli utenti iscritti a FB saranno gli unici responsabili di quanto reso pubblico!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 11 novembre 2011

Per scoprire chi spia il tuo Profilo clicca qui?

"Hai visitato il mio profilo n volte nell'ultimo mese. Per scoprire chi spia il tuo Profilo clicca qui": è il nuovo tormentone nelle sessioni di chat di Facebook. Il problema, segnalato da giorni, si presenta agli utenti infetti che inviano in modo automatico messaggi di chat durante la navigazione sul social network in blu senza che loro scrivano o facciano alcunchè. Invitiamo, a seguito delle numerose richieste pervenuteci in redazione, ad evitare di fare click sul link che riporta "strummerprofilo.inf0/?" seguito da un numero identificativo random, ossia casuale, per evitare di essere infettati dallo stesso malware ed inoltrare voi stessi il messaggio nella chat di FB. Visitando il sito di cui sopra (sconsigliatissimo) verra richiesto, se non loggati al network, il nome e la password di Facebook e verrà installata in modo automatico l'applicazione-spam di cui sopra, quindi evitate! Ricordiamo infine che attualmente è impossibile per qualsivoglia utente loggato sapere con certezza chi visita il proprio profilo su Facebook... A meno di non chiamarsi Mark Zuckerberg ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 10 novembre 2011

11-11-11 su Facebook

La giornata palindroma sta arrivando: l' 11.11.11 alle ore 11:11 potrebbe succedere di tutto, stando a quanto si legge sul più chiacchierato dei network sociali. Lanciando una ricerca su Facebook infatti compaiono i risultati più strampalati che portano nel titolo il prossimo 11 Novembre 2011... Eccone alcuni dei più significativi e che saltano all'occhio:

  • facebook.com/11.11.11ofilme è la pagina che riguarda il film ma si è riempita, dall'alto delle sue 49.000 preferenze, di ogni genere di commento
  • facebook.com/pages/If-I-miss-111111-111111-i-will-be-pissed/296177083989 che, tradotto, recita: "se manco l'11/11 alle ore 11:11 sarò incazzato", a quota 902mila Like
  • facebook.com/pages/At-111111-on-111111-I-will-make-the-most-epic-wish-ever/223825252973: in questo caso saranno ben 970mila ad esprimere il più bel desiderio che sia mai stato espresso
  • facebook.com/pages/Can-we-get-111111-fans-before-111111-1111/252368568285 che scommette di raggiungere la ragguardevole soglia entro la data stabilita, ma che al momento è fermo a 107mila fans
  • facebook.com/join111111 è un pò messo meglio per la scommessa di cui sopra, infatti supera i 120mila fans
  • facebook.com/onemillionforcancer si propone di ottenere 1 milione di persone che hanno a cuore il cancro entro l'undici dicembre, a quota 123mila fans
  • facebook.com/pages/On-111111-I-will-be-in-11th-grade/218787696750 invece vorrebbe risultare 11esimo in classifica
  • facebook.com/pages/111111-1111-The-Ultimate-Wish/187354610888 è l'augurio finale che si ferma a soli 84mila Like

Il comun denominatore sembra essere questa data magica, una alchimia di numeri tutti uguali che potrebbe anticipare, a sorpresa, la fine del mondo del prossimo dicembre 2012 prevista dai Maya (ma quando mai): creduloni del web e burloni in vena di congetture catastrofiste, sembra che Facebook sia il posto giusto dove trovare una degna compagnia... Il bello è che si organizzano raduni nei luoghi più strani del mondo per attendere tutti insieme le 11:11 del fatidico 11/11/11, e gli albergatori si fregano le mani: fanno registrare il tutto esaurito da mesi le località più mistiche, in particolar modo nel nord Europa, a Stonenge o in Perù ed Argentina, dove veggenti, sensitivi, persone rapite dagli Ufo e discendenti delle perdute civiltà di Mù ed Atlantide attenderanno la coincidenza di date e numeri che sancirà l'inizio di una nuova era. Se poi tali personaggi oltrepassassero i confini del tempo e dello spazio restando proiettati in un'altra dimensione, saremmo tutti più contenti ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

La scoperta dell'acqua calda ai tempi di FB

Studi recenti confermano comportamenti online agli antipodi tra i due sessi: i maschi si lanciano alla conquista sui social network di qualunque iscritta di bell'aspetto, mentre le fanciulle al contrario sono più portate ad allargare il numero di amicizie ed a coltivarle con insistenza per mantenerle in modo stabile. I primi accettano qualunque richiesta di amicizia e sono perciò più inclini alle trappole informatiche nonchè più deboli dal punto di vista della protezione dei propri dati personali (privacy inesistente). Le donne, al contrario, tendono a selezionare maggiormente la propria lista di contatti e restano inizialmente più diffidenti verso l'estraneo. L'unico fattore comune tra i due sarebbe la diffusa solitudine affettiva, a prescindere dal numero di amicizie virtuali instaurate: il limite delle 5.000 amicizie permesse da Facebook sembra stare stretto ai molti fanatici dei record di contatti, ma a ben vedere solo 1 o 2 sono quelli con i quali si hanno veri rapporti interpersonali e che influenzano in qualche modo la nostra socialità. Tutti gli altri sembrano essere pre-etichettati come "massa", semplici figure con le quali è tabù qualunque argomento che vada al di là del semplice chiacchiericcio informale. C'è da dire che l'isolamento non dipende dall'uso dei social network, i quali consentono, se usati in modo adeguato, di uscire dalla campana di vetro e conoscere realmente nuove persone che abbiano una qualche affinità con noi a livello intellettivo o che coltivino semplicemente gli stessi hobby, ma al contrario sembra essere ereditato da anni di "pigrizia sociale" tipica della vita alla occidentale: le accuse rivolte, in questo senso, ai vari Facebook, Twitter o Badoo sono del tutto ingiustificate. La ricetta per uscire da queste situazioni? Secondo gli esperti è davvero semplice: usare il cellulare al posto delle email o delle chat istantanee... La scoperta dell'acqua calda ai tempi di Facebook!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 9 novembre 2011

Danilo Novelli, nuovo scandalo al GF12?

Sembra la versione debitamente aggiornata del mitico Pasquale Laricchia: è Danilo Novelli, il concorrente barese del Grande Fratello 12 che sta raccogliendo consensi sia nella casa che fuori per il suo modo di porsi da bravo ragazzo e per la sua spiccata simpatia. Su Facebook la sua pagina fans ufficiale, raggiungibile e clickabile dopo il solito login con email/password all'indirizzo facebook.com/pages/Danilo-novelli-official-fan-club/131652606936248 conta, al momento, 2871 Like.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

La privacy di Facebook è migliore: parola di Zio Zuck

La privacy è più salvaguardata su Facebook che su Google, Yahoo! e Microsoft: di questo è fermamente convinto il creatore del social del momento, che in una intervista rilasciata alla PBS Broadcast ribadisce senza mezzi termini il concetto. Google, Microsoft e Yahoo! riescono, sfruttando i propri network pubblicitari, i propri motori di ricerca e, non ultimi, Msn, Yahoo! Messenger ed il neonato Google+, a recuperare una mole di dati impressionante sugli utenti che utilizzano tali servizi senza esserne a conoscenza. Al contrario su Facebook sono gli stessi iscritti a scegliere se e quali informazioni condividere e rendere pubbliche sul network. Eventualmente è possibile per gli iscritti richiedere, come mostrato in un post precedente, tutti i dati raccolti da FB in un Cdrom, cosa impossibile da fare ad esempio in Google, che mette a disposizione solo la Dashboard (google.com/dashboard/) nella quale si può modificare/cancellare qualunque informazione relativa alle nostre attività sul web ma che non riporta, ovviamente, i dati nascosti da ricerche e click sugli annunci pubblicitari, visto che non sempre sono legati al login su Google ma scadono al termine delle sessioni di navigazione. Una nota di colore: Facebook venne definito nel 2004 da Tom Anderson come la versione ridotta di MySpace. Oggi Mark Zuckerberg definisce Google+ come la versione ridotta e customizzata da Google di Facebook... Insomma, la storia si ripete!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 8 novembre 2011

Grande Fratello 12, Gaia vs Claudia ed il caso Luca

Una puntata "moscia" ma piccante, quella di ieri del Grande Fratello 12: dopo l'eliminazione, prevedibile, del belloccio Mario, il quale non aveva altri argomenti da mostrare nella casa a parte la sua somiglianza con Big Jim, arrivano le immancabili nominations. Stavolta il dilemma per chi eliminare è tra Claudia Letizia, la mamma-burlesque che tanto aveva dato scalpore nel corso della prima puntata del GF12 mostrando tutte le qualità che il maschio medio italico desidera in una donna, e la Gaia Elide Bruschini, ex-Miss Lesbica Roma 2010 e molto simile ad una bambolina Barbie. La prima è stata nominata dalle femminucce perchè troppo sexy, e dai maschietti perchè troppo sposata! Sorte simile per Gaia, la quale tra l'altro non riesce bene ad integrarsi nel gruppo, o almeno non si è schierata nelle due fazioni capeggiate da Luca e dal trio Ilenia-Chiara-Caterina.

A condire il tutto, oltre alla strigliata per i troppi litigi settimanali, l'outing (che non c'è stato) di Luca Di Tolla: messo alle strette da un nervosissimo Alfonso Signorini, che bramava una confessione in diretta o almeno qualcosa di simile, ha preferito difendere le proprie preferenze che cedere alle domande a trabocchetto che gli arrivavano dallo studio di Canale 5. La richiesta diretta: "Nessuno ti ha accusato di essere un ladro o un assassino, abbiamo solo chiesto di darci spiegazioni riguardo alle foto con Valerio Pino" cade ovviamente nel vuoto.
Per chi volesse leggere i numerosi commenti riguardanti i concorrenti del GF 12 ed i rispettivi fan-club su Facebook, segnaliamo queste pagine:

  • facebook.com/pages/LUCA-DI-TOLLA-PAGINA-UFFICIALE/209293559141953
  • facebook.com/GaiaElideBruschiniUfficiale
  • facebook.com/pages/CLAUDIA-LETIZIA/54113901353

Riguardo il conteggio dei fans, non c'è storia: visti i precedenti televisivi della mamma-burlesque, si arriva a quasi 8.000 Like nella pagina Facebook sopra indicata contro le poche centinaia di Mi Piace di Luca e Gaia.
Voi chi dite uscirà la prossima settimana tra la Letizia e la Bruschini??

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 7 novembre 2011

Silvio Berlusconi dimissioni smentite su Facebook

E' arrivata poco più di un'ora fa la smentita per voce (e mano) diretta dell'interessato. Mentre in queste ore circolavano notizie incontrollate riguardanti le dimissioni di Silvio Berlusconi da primo ministro, ecco che sulla pagina ufficiale su Facebook compariva il messaggio inequivocabile:

"Le voci di mie dimissioni sono destituite di fondamento"

Le borse hanno dimostrato però di gradire le dimissioni del Premier italiano, avvalorate dalla riunione di famiglia con Pier Silvio, Marina Berlusconi e Fedele Confalonieri, tanto da far recuperare alcuni punti percentuali a Piazza Affari anche solo dalle voci di corridoio che seguivano l'articolo pubblicato su tanti giornali stamattina ed alla "via d'uscita" nientemeno di Giuliano Ferrara, ad eccezione del crollo delle azioni Mediaset per ovvie ragioni. Intanto sulla pagina ufficiale sul social network in blu del primo ministro, raggiungibile all'indirizzo facebook.com/SilvioBerlusconi, si susseguono i Like dei sostenitori. E' indubbio però che qualcosa bolle in pentola, probabilmente siamo all'epilogo del ventennio berlusconiano?!?
Intanto sul social network Twitter in Italia oggi impazza, dopo gli ultimi cambi di casacca degli onorevoli Binetti e Carlucci, l'hash-tag #vivalafuga: nuovo tormentone mediatico o una moda passeggera?

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'