venerdì 29 luglio 2011

Anonimato su Facebook e Google+ non s'ha da fare!

La ricetta per mettere fine al bullismo su Facebook? Obbligare gli utenti ad utilizzare il proprio nome e cognome reali. Questo il pensiero di Randi Zuckerberg, sorella di Mark e direttrice del marketing del social network in blu. Le statistiche parlano chiaro: la stragrande maggioranza dei reati di molestie e/o bullismo sulle reti sociali avvengono da utenti anonimi, magari iscritti con nick o nomi di fantasia. Combattere l'anonimato e mettere ognuno davanti alle proprie responsabilità sarebbe un grande passo in avanti per la sicurezza degli utenti che navigano sul web, e su Facebook in particolare. Sulla stessa linea anche Schmidt, presidente ed ex-AD di Google: l'anonimato su internet costituisce un pericolo... Peccato che la cancellazione forzata degli utenti sul proprio "gioiellino Plus" abbia fatto storcere la bocca a milioni di persone, stufe di vedere i propri dati personali messi bene in mostra all'intera platea del web, tant'è che si sta introducendo la possibilità di aggiungere un nick, sempre accanto però a nome e cognome reale dell'utente, pena la cancellazione dell'account e l'impossibilità di effettuare il login anche agli altri servizi made in Mountain View (aaargh!!!). Insomma, trovare una soluzione che metta d'accordo capra e cavoli non sembra cosa semplice, e molti, visto l'andazzo, decidono di rimandare a tempi migliori il loro debutto su Google+.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 28 luglio 2011

Google+ ci ripensa sugli utenti anonimi?

La crescita di utenti del nuovo network sociale di Mountain View sta rallentando vistosamente, così come il tempo medio passato sul sito dagli utenti, decisamente minore rispetto ai 22 minuti degli utilizzatori di Facebook: Google+ piace, molto, ma inizia ad accusare un calo fisiologico di interesse e, cosa ancor più preoccupante, di partecipazione attiva dei propri iscritti, che restano attivi online circa 5 minuti. Così ai piani alti si sta pensando di cambiare rotta per non stroncare sul nascere il nuovo fenomeno mediatico del web: l'idea è quella di permettere agli utenti di registrarsi a Google+ con soprannomi di fantasia, i quali però non sostituiranno del tutto il nome e cognome visibile e ricercabile dagli altri iscritti. L'equivalente del soprannome, per essere più semplici possibili: è quanto ribadito e reso ufficiale proprio in queste ore da B. Horowitz, responsabile degli sviluppi del network Google+. Per quanto riguarda i nomi di aziende ed i marchi noti, si pensa di introdurre, così come avviene su Facebook, gli account-pagina, ossia delle utenze speciali pensate espressamente per vip o marchi registrati, che sembrano funzionare alla grande sull'antagonista in blu e che portano, indiscutibilmente, traffico (e denaro) nelle casse di chi riesce a sfruttarne la pubblicità e le visite che originano. Insomma, Google Plus è in continua evoluzione e la lotta per insidiare il trono di FB è solo agli albori.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 27 luglio 2011

Federica Pellegrini su Facebook

Federica Pellegrini, ancora oro nei mondiali di nuoto a Shanghai, Cina. Dopo la vittoria nei 400 metri stile libero, la Federica si è presa l'oro anche nei 200 metri con un tempo di 1.55.58 e facendo un bel paio di corna a gara finita: "La dedica è per quegli squilibrati della 4 x 100 a stile libero". Su Facebook la pagina non ufficiale dedicata alla campionessa italiana è raggiungibile e clickabile dopo il solito login a FB all'indirizzo facebook.com/pages/Federica-Pellegrini/20781033276 e vede, al momento, oltre 264.000 fans, anche se il contatore, negli ultimi giorni, ha subito un improvviso aumento anche a causa dell'ottima prestazione della Pellegrini a Shanghai. Se invece non vi interessa nulla del network di Zio Zuck, potete dare uno sguardo al sito web ufficiale di Federica, ricco di grafica e molto acquatico sin dalla homepage, con tutte le ultime notizie ed i commenti della diretta interessata anche sul blog, digitando nella barra degli indirizzi del vostro browser federicapellegrini.com. Auguri per la vittoria conquistata e soprattutto per le prossime Olimpiadi 2012 a Londra.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 26 luglio 2011

Google+, problemi con l'account

Google+ non smette di far parlare di se: il social network con il più alto tasso di crescita della storia del web, nonostante il blocco delle iscrizioni che possono essere effettuate solo tramite invito diretto di chi è già iscritto alla rete sociale di Mountain View, sembra aver attuato una politica davvero restrittiva sugli utenti che possono utilizzarlo e loggarsi. Infatti, come Facebook insegna, l'utente fake non vale alcun dollaro in pubblicità mirata, quindi meglio eliminarli in partenza: Google sta facendo proprio questo, cancellando da Plus gli account palesemente falsi. Il problema è, ahimè, che disabilitando tali profili si bloccano automaticamente gli accessi anche agli altri servizi di Google, come ad esempio GMail, Blogger/Blogspot o anche YouTube. Ma se accidentalmente usaste proprio GoogleMail per lavoro, vi ritrovereste bloccato il login al servizio a tempo indeterminato, preavvisati da un triste messaggio: "Dopo aver verificato il vostro profilo, abbiamo stabilito che il nome fornito vìola gli standard della nostra community" con tutto ciò che ne consegue... Un mezzo disastro per i sostenitori della privacy a qualunque costo, anche considerando il fatto che da agosto i profili Google saranno tutti resi pubblici (o, in alternativa, cancellati). Per non parlare degli account con accesso multiplo, anch'essi bloccati a causa di Google+. Il network di Mountain View, che agli inizi rasentava la perfezione o quasi, deve aver copiato uno dei peggiori difetti dell'antagonista Facebook... A meno di cambi in corsa al regolamento interno, come avviene in continuo anche per la comunità in blu dei 700 milioni di utenti, spesso ignari di tutto ed intenti solo a navigare tra pagine e gruppi sempre più strampalati ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 25 luglio 2011

Oslo Security Camera, video su Facebook

Un fantomatico video che riprenderebbe gli ultimi istanti prima dell'esplosione che ha causato ad Oslo la morte di oltre 90 persone: su Facebook impazza un link malevolo che promette di poter visionare l'esplosione con un titolo che è tutto un programma e, a quanto pare, gli utenti più curiosi del social network in blu non riescono ad evitare di farci click. Stiamo parlando del link a "[Video] Oslo Security Camera Captures Blast" che sta letteralmente facendo il pieno di bacheche sul network Facebook nonostante i gestori del network lo stiano eliminando dopo le numerose segnalazioni. Attenzione, come molti altri di questo genere, il video è una bufala ed il link al quale verrete reindirizzati non farà altro che incrementare la vostra bolletta telefonica (oltre a dimostrare senza ombra di dubbio il decremento del vostro Q.I.). L'idea degli hacker è stata quella di sfruttare la tragedia di pochi giorni fa accaduta in Norvegia e, con la scusa di una specie di raccolta fondi per i familiari delle vittime, raggranellare denaro con questa ingegnosa truffa su Facebook, che dall'alto dei suoi 700 e passa milioni di utenti registrati, può contare su una "discreta" audience per diffondere tali tipi di minacce virali. Statene alla larga e rimuovete manualmente, se già non aveste provveduto a farlo, il link al video di Oslo dalla vostra bacheca e/o dalla pagina del profilo su Facebook.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 22 luglio 2011

Jaked sponsor azzurri... anche su Facebook

In occasione dei Mondiali di Nuoto di Shanghai (Cina) che si terranno fino al 31 luglio prossimo, Jaked, già sponsor tecnico delle Federazione Italiana Nuoto e fornitore ufficiale della nazionale azzurra, non solo è andato online con un nuoto store visibile all'indirizzo jakedstore.it, ma ha anche creato una pagina Facebook tutta nuova in cui è possibile seguire gli azzurri a Shangai. Per visitarla e/o diventarne fan, basterà effettuare il consueto login a Facebook quindi inserire nella barra di ricerca del network la parola "Jaked" oppure digitare direttamente l'indirizzo facebook.com/jakedstore. Per dire la vostra e rispondere ai sondaggi, ma anche per avere sott'occhio su Facebook i risultati in diretta, il programma di tutte le gare e le foto dei vincitori: fateci un salto e magari lasciateci un feedback, grazie.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Papa no beach, video YouTube e Facebook

La Sora Cesira colpisce ancora: l'argomento del giorno è la scelta della camera sull'arresto del parlamentare del PDL Alfonso Papa. Nasca "Papa no beach", rivisitazione musicale del celebre "Papa don't preach" di Madonna, brano uscito nel 1986 e campione di vendite in tutto il mondo. Il video demenzial-virale, che ha già fatto il giro dei network sociali YouTube e Facebook in Italia, è riproposto qui in basso e contiene alcune strofe da morire dal ridere: che ne dite?

Papa I know you are not very content
because your colleagues in Parliament
in cell with the delinquents
nun ce vanno mica

The secret vote went a little wrong
your maggioranz wasn't very strong
but to scampate you were secure abbastanz

Premier was so optimst
and you for maldives in waiting list
and versed a big caparr to the tour operators

si?

Papa, no beach
what a big impitch
Papa, what beach
sleep on paglierich
vadamory ammazzate oh the people of Lega
uh we are gonna kill the Lega

Ecco qui sotto, per chi se la fosse persa sia sul network di Zio Zuck che tra i video più clickati di YouTube, l'ultima fatica di Sora Cesira "Papa No Beach".

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 21 luglio 2011

Facebook Party a Cefalù Palermo

Mancano soli 8 giorni al secondo Facebook Party di Cefalù: dopo il clamoroso successo dello scorso anno, si replica il prossimo 29 luglio dalle ore 22.00 al Delirio Disco Pub & Lounge Bar, sul Lungomare Giardina di Cefalù (Palermo) che, per l'occasione, mette a disposizione degli ospiti l'intero locale rinnovato. Il passaparola degli utenti di Facebook è, come al solito, il filo portante per permettere a ragazzi e ragazze iscritte al social network di passare dal virtuale al reale ed incontrarsi fisicamente in una serata all'insegna dell'amicizia nella quale non mancheranno di sicuro musica, balli, animazioni, gadget, intrattenimento e collegamenti in diretta con radio e televisioni locali. I gruppi ufficiali del #2 Facebook Party @ Cefalù contano circa 3500 iscritti, mentre la pagina facebook.com/fbkpartycefalu ne conta altri 2500. Se volete aderire all'evento 2011, potete effettuare il login a FB e digitare sulla barra indirizzi del vostro browser facebook.com/event.php?eid=168672259870068 facendo click in alto a destra sul pulsante di partecipazione. Per maggiori informazioni, potete inviare una email all'indirizzo: facebookpartycefalu@live.it.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Gordon Ramsay su Facebook

Se avete per caso dato uno sguardo alla programmazione di RealTime sia su Sky che sul canale 31 del digitale terrestre, di sicuro non vi saranno sfuggiti i programmi simil-culinari "Cucine da Incubo" o "Il diavolo in Cucina" di Gordon Ramsay: un cuoco che, senza usare troppi giri di parole, mette alla frusta cuochi, proprietari di ristoranti, capisala e camerieri vari riuscendo a risollevare le sorti di attività in crisi di clienti. Non è tanto cosa fa Gordon, ma come lo fa: è davvero arrogante, dice parolacce a tutto spiano ma, tra una sfuriata e l'altra, propone dei piatti incredibilmente gustosi e preparati a tempo di record riuscendo, il più delle volte, a rimettere sui binari un'attività data per spacciata perfino dalle stesse persone che ci lavorano. Su internet, manco a dirlo, le maniere forti del cuoco scozzese hanno avuto un successo incredibile, tant'è che la pagina dedicata a Gordon Ramsay su Facebook può contare su oltre 307.000 like di altrettanti utenti. Se anche a voi piace il diavolo in cucina e seguite Gordon nelle sue fatiche quotidiane, potete effettuare il login al social network in blu e digitare nella barra degli indirizzi del vostro browser facebook.com/pages/Gordon-Ramsey/61797845396 o, in alternativa, effettuare una ricerca di Gordon Ramsey/Ramsay sulla barra di navigazione in alto su Facebook.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 20 luglio 2011

G.co url shortener di Google e nuovo logo doodle

Dopo il successo dell'abbreviatore goo.gl, che permette di accorciare una url per ottenerne una adatta ai brevissimi messaggi di stato dei vari servizi sociali Twitter, Facebook e, perchè no, anche dello stesso Plus, da Google viene lanciato il nuovo g.co, url shortener ancora più corto ed incisivo del precedente. Con un annuncio pubblicato sul blog ufficiale di Mountain View (in lingua inglese all'indirizzo googleblog.blogspot.com) si rende noto come g.co linkerà solamente servizi e prodotti ufficiali di BigG, lasciando al resto del web il classico goo.gl. Su internet, come è ben noto, non sempre le dimensioni contano, anzi... A proposito, avete dato uno sguardo alla homepage del motore di ricerca? Con un doodle composto da piselli a formare un insolito logo verdognolo, viene celebrata oggi il 189' anniversario della nascita di Gregor Johann Mendel, padre della genetica moderna che ci ha lasciato le leggi dei caratteri dominanti e delle segregazioni con anni di esperimenti ed osservazioni sulle caratteristiche ereditate da padre in figlio delle stesse piante. Per maggiori informazioni, potete dare uno sguardo alla pagina su Wikipedia it.wikipedia.org/wiki/Gregor_Mendel. Su Facebook, invece, la pagina dedicata a Mendel può contare poco meno di 5000 Like ed è visibile, dopo il solito login al network in blu, all'indirizzo facebook.com/pages/Gregor-Mendel/27841896075.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 19 luglio 2011

The Dark Knight Rises, Facebook in trepidante attesa

Dopo il successo del Cavaliere Oscuro, Batman torna sui maxischermi con The Dark Knight Rises, in uscita il 18 luglio 2012. L'attesa, nonostante il film sia tuttora in lavorazione, è talmente grande che giorni fa è uscito su Facebook un trailer rubato e poi reso pubblico dalla Warner per l'ultimo capitolo della nuova trilogia di Batman. L'eroe mascherato, sempre più avvolto nelle atmosfere cupe di una Gotham City piegata dal crimine, è ormai un fuorilegge ma grazie al commissario Gordon (Gary Oldman, apprezzato anche nell'ultimo Harry Potter e i doni della morte parte II, nonchè ovviamente nei due precedenti Batman Begins e The Dark Knight) ritorna per combattere il male. Sul network in blu le due pagine che vanno per la maggiore sono facebook.com/TDKRises che, al momento, conta 23.215 Mi Piace e facebook.com/BTDKR3 con poco più di 5000 Like, niente in confronto con la pagina ufficiale del secondo film della trilogia facebook.com/darkknight che può contare su oltre 7 milioni e 400 mila sostenitori. Ecco il trailer di The Dark Knight Rises, per tutti quegli utenti distratti che se lo fossero perso, tratto dal social YouTube...

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 18 luglio 2011

Spider Truman su Facebook svela i segreti della Casta

SpiderTruman, un anonimo con 15 anni di lavoro presso Montecitorio che decide di svelare alla platea di Facebook i segreti della Casta: il suo profilo viene cancellato in men che non si dica, per poi riapparire e moltiplicarsi in una serie innumerevole di profili pseudo-fake, ma lo scopo è raggiunto. Si alza un polverone mediatico che investe i nostri parlamentari, i quali in un periodo di profonda crisi economica, ristrettezze e tagli a sanità, ricerca e scuola, gode di benefici non indifferenti. Al momento pubblica su Facebook e, per timore di essere censurato in via definitiva, anche sul blog isegretidellacasta(.blogspot.com), alcuni documenti come le tariffe esclusive della Tim o gli sconti della Peugeot per i deputati, per non parlare degli stipendi o dell'incredibile polizza assicurativa contro i furti nel parlamento che coprirebbe qualunque sottrazione di qualunque entità. Il successo dell'operazione è questione di poche ore, al momento la pagina ufficiale sul social network in blu facebook.com/pages/I-segreti-della-casta-di-Montecitorio/232643153433351 conta 193.500 sostenitori i quali però fanno notare come molte delle rivelazioni siano in realtà dei segreti di Pulcinella. Al di là delle critiche rivolte all'amministratore della pagina Facebook per la tardiva conversione sulla strada di Damasco, sembra unanime lo sdegno per i nostri parlamentari che pensano solo ed esclusivamente ai loro interessi... E ciò, purtroppo, è un dato di fatto.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 15 luglio 2011

Diretta Ligabue Campovolo su Facebook

Il megaconcerto Campovolo 2.0 di Luciano Ligabue in anteprima in diretta sulla pagina Facebook dell'artista emiliano con la possibilità di poter visitare, per 5 fortunati, il backstage prima del concerto: è lo stesso Liga ad annunciarlo a tutti i suoi fans sul social network in blu. Mancano poco più di 24 ore per la prima di Campovolo 2.0 che si terrà sabato 16 luglio a Reggio Emilia, ma stasera alle 9 collegandovi, dopo il consueto login a FB, alla Liga Channel TV (facebook.com/Ligabue?v=app_ 7146470109) potete vedere uno speciale con le ultime news riguardo al concerto, inclusa la canzone "I duri hanno due cuori" e tutte le dritte ed informazioni varie su Campovolo 2.0. Nel link che segue, l'intervista-presentazione tratta dal network YouTube youtube.com/watch?v=XjMGaXKfyRw.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 14 luglio 2011

Sebastian Vetter su Facebook, tutti profili falsi

Se lanciate una ricerca su Facebook per Sebastian Vettel, il campione tedesco della Reb Bull che da un anno a questa parte sta letteralmente dominando il mondiale di Formula1, troverete una dozzina di profili del pilota ed alcune pagine più o meno ufficiali. Il problema, però, è che Vettel non ama affatto Facebook e lo dichiara dalle pagine della Bild, dimostrando un certo malumore per i numerosi account aperti sua insaputa da ignoti che si spacciano per lui. Anche la pagina ufficiale di Sebastian Vettel su FB, raggiungibile all'indirizzo facebook.com/pages/Sebastian-Vettel/117250168333666 e che può contare su oltre 460.000 fans, non è gestita dal pilota tedesco nè da qualcuno del suo staff... Eppure ha un successo non indifferente, ed i messaggi di stima anche alla luce dell'ultimo Gran Premio di F1 disputatosi a Silverstone che ha visto il ferrarista Fernando Alonso trionfare proprio in casa del nemico, costituiscono un inequivocabile segno di quanto sia amato, anche sul network in blu, il 24enne di Heppenheim. Preferisce, infatti, avere contatti diretti con i tifosi piuttosto che comunicare tramite social network tipo Facebook o Twitter.
Scaramanzia a parte, voi pensate ci sia qualche possibilità per Alonso di vincere il titolo piloti nel 2011? O finirà come lo scorso anno?

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 13 luglio 2011

Thor bambino video virale su YouTube e Facebook

Dopo il successo su Facebook e YouTube della pubblicità virale Star Wars Volkswagen col bimbo-Darth Vader alle prese con la Passat dei suoi genitori, ecco uno spot in tutto e per tutto simile. Stavolta il protagonista è un piccolo Thor, il dio del tuono che gironzola per casa armato del suo inseparabile martellone gigante ma che, analogamente al bambino che interpreta Lord Vader/Fener, non riesce a piegare gli oggetti al suo volere... A parte l'automobile di famiglia, una Rover catorcio-deluxe color prugna! Godetevi questo ennesimo video divertente scovato su YouTube e riproposto su alcune bacheche del social network Facebook ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

La SIAE su Facebook, pagina ufficiale

Sbarca finalmente sul network di Zio Zuck la SIAE, Società Italiana degli Autori ed Editori. Raggiungibile digitando facebook.com/pages/SIAE-Società-Italiana-degli-Autori-ed-Editori/252357288114334 oppure www.siae.it/facebook sul nostro browser, si prefigge di migliorare la comunicazione ed i confronti con la comunità online che può vantare, al momento, il più grande numero di utenti attivi. Il problema, semmai, è che sia possibile lasciare commenti in bacheca solo dopo il login a Facebook ed un click sul relativo "Mi Piace/Like", cosa che altera in modo sensibile le statistiche di gradimento della stessa SIAE. Sarebbe stato meglio optare per l'apertura di un gruppo, magari per poter discutere di diritti, di proprietà intellettuale o del recente e controverso regolamento Agcom approvato giusto la settimana scorsa e che ha portato una specie di bufera mediatica sul web (bavaglio su internet), anche se la parte che conferisce alla stessa Agcom l'autorità per inibire i siti non italiani sarebbe stata eliminata.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 12 luglio 2011

Google+ record, gli inviti vanno a ruba

Inviti che vanno a ruba a parte, sembra che la crescita di Google+ non conosca limiti: il record dei 10 milioni di account attivi è stato già toccato in sole 2 settimane dal lancio in versione Beta mentre si prospetta il superamento dei 20 milioni per sabato o al massimo domenica prossima. Ottimisti a Mountain View, dove parlano già dei prossimi 100 milioni di utenti, mai come nessun altro servizio nella storia del web. Nemmeno Facebook o il suo alter ego cinguettoso Twitter sono stati capaci di tanto, cosicchè da Palo Alto dovranno trovare ben più che una chat integrata con tecnologia Microsoft-Skype per frenare la crescita di Google Plus. L'aspetto che più è piaciuto del network di Mountain View è stato la cura nella privacy, o meglio, l'idea vincente delle cerchie di amici, totalmente personalizzabili tramite drag & drop per mettere un freno alla diffusione incontrollata dei propri status ed informazioni personali. Un ottimo lavoro che, però, non sembra sostituire in tutto e per tutto Facebook, anche se il momento di "stanca" del network in blu denunciato da molti utenti sembra non frenarne più di tanto la diffusione nei nuovi mercati. Il vincitore tra FB e Google+ ce lo dirà il tempo, al momento non ci resta che prendere atto delle incredibili capacità del team di sviluppo di BigG il quale, con un occhio di riguardo ai polveroni sulla privacy sollevati plurime volte anche con i vecchi Wave e Buzz, cerca in ogni modo di migliorare un prodotto che già sulla carta sembra superiore a quanto fatto vedere sinora dagli ingegneri di Mark Zuckerberg e soci. A proposito, se volete un invito a Google Plus, potete inviare una email alla redazione o lasciare un messaggio (ed un Like?) sulla pagina FB di questo blog grazie ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 11 luglio 2011

Italia vince su Facebook: Ferrari e SBK

Un trionfo a Silverstone per la Ferrari di Fernando Alonso ed una doppietta tutta italiana in Superbike nel Gran Premio di Brno: l'Italia dei motori non ha certamente deluso le aspettative dei milioni di tifosi incollati ieri ai teleschermi per gustarsi due tra le più belle gare degli ultimi tempi. Alonso ha dato battaglia curva dopo curva lasciandosi dietro i due incubi-Red Bull e riportando la rossa al successo dopo mesi di buio più totale. Una prova decisamente perfetta per il pilota spagnolo che aveva dichiarato solo pochi giorni prima di essere entusiasta in Ferrari anche se a secco di vittorie. Molto al di là della Manica, in Repubblica Ceca, il Corsaro Max Biaggi in sella alla sua Aprilia e Marco "Macho" Melandri sulla R1 Yamaha se le sono date sia in Gara-1 che in Gara-2, recuperando punti su Checa al momento in testa al mondiale. Su Facebook l'entusiasmo dei tifosi è palpabile: dopo aver effettuato il login al social network in blu, potete dare uno sguardo alla pagina ufficale della rossa all'indirizzo facebook.com/Ferrari e, nel caso non lo aveste già fatto, provvedere ad incrementare il numero di utenti entusiasti ai quali piacciono i cavallini rampanti al momento fermo a sole 4.776.510 unità. Nella pagina Facebook della Ferrari troviamo anche una ricca gallery di foto, incluse quelle dell'ultimo Gran Premio di Formula1. Per quanto riguarda il trio in testa al mondiale SBK, facebook.com/pages/Max-Biaggi/39586171656, facebook.com/marcomelandri e facebook.com/pages/Carlos-Checa/247835807650 sono le pagine semi-ufficiali dei rispettivi piloti ferme a quota 28.491, 17.893 e 5.144.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 8 luglio 2011

Facebook contro marionetta Vivident: ha rotto il c...

"Figliolo, c'è una cosa che devo dirti: non sono tuo padre, sono tua madre! Pronta la risposta del giovane: io non sono tuo figlio, sono una marionetta... ia... ia... oh!". Non c'è che dire, la pubblicità che in questi giorni imperversa nei televisori degli italiani è diventata un vero e proprio tormentone, tant'è che sono stati aperti diversi gruppi su Facebook contro la Vivident Blast che non risparmiano commenti "vagamente negativi", per usare un eufemismo. Il gruppo che va per la maggiore si chiama "Sta marionetta ci ha rotto il c4zz0" ed è reperibile dopo il consueto login a FB all'indirizzo facebook.com/pages/Sta-marionetta-ci-ha-rotto-il-cazzo/111413075618584. Al momento conta 2893 utenti, ma si prevedono picchi nel caso la Rai non provveda a censurare la marionetta come ha fatto Mediaset, tagliando del tutto la canzoncina della vecchia fattoria e riducendo l'effetto tormentone dello spot in modo considerevole. Se ve lo foste perso, ecco qui il video della pubblicità Vivident Blast preso dal network YouTube...

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 7 luglio 2011

Facebook, videochat con Skype integrato

Anche se l'effetto sorpresa è andato bruciato dall'annuncio delle sconvolgenti novità per bocca dello stesso Mark Zuckerberg, da oggi anche gli utenti italiani hanno potuto mettere le mani sulla rinnovata chat di Facebook. Più che una chat integrata, sembra una copia con ridotte funzionalità di Skype, il popolare software di videochat e messaggistica istantanea che tanto ha fatto parlare per l'acquisizione da parte di Microsoft e per la robustezza dei suoi algoritmi di crypt, che mettono al riparo da eventuali intercettazioni le chiamate effettuate tramite il suo client. L'accordo tra Facebook e Microsoft ha dato alla luce una integrazione tra il client Skype ed il social network con la possibilità di effettuare, per tutti gli utenti registrati a FB, videochiamate semplicemente collegando la webcam al computer e facendo click sul pulsantino della videocamera sulla sinistra in alto della finestra di chat. Cambia anche su Facebook lo stato degli utenti: se prima erano elencati solo quelli online, ora possiamo ritrovarci, nel caso le nostre relazioni siano "complicate", un esercito di nomi sulla colonna di destra nella quale risulta un pizzico più difficile trovare la persona con la quale ci interessa scambiare 2 chiacchiere in chat... Probabilmente per questioni di abitudine, ma a primo impatto avremmo preferito almeno una ricerca come avviene sul client standalone di Skype o, al limite, nella ricerca degli amici di Facebook. Abbiamo inoltre avuto qualche problema di troppo su Mac OSX, sintomo di un'evidente fretta da parte del network in blu di far debuttare questa nuova feature per oscurare in qualche modo il clamore mediatico suscitato dall'antagonista Google+. Se volete avere altre informazioni sulla videochiamata su Facebook, fate un salto all'indirizzo facebook.com/videocalling.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 6 luglio 2011

Facebook Excel al lavoro, l'applicazione per camuffarlo

Ieri sul Corriere è apparso un articolo davvero interessante riguardante una applicazione Facebook per farlo somigliare ad Excel, ben noto pacchetto di produttività da ufficio della famiglia Microsoft Office 2007 che gira sotto Windows XP e successivi. Ideale per chi si connette da lavoro ma non vuole apparire un "cazzeggione", HardlyWork (il nome è tutto un programma...) si presenta come una app standard del network in blu ed, una volta concesse le autorizzazioni ad accedere alle nostre informazioni personali, permette di camuffare Facebook in Excel. Non ci credete? Date pure uno sguardo qui alla foto di destra: anche se manca buona parte delle funzionalità, è però presente una comoda ricerca e soprattutto con l'effetto hover, ossia passando sopra alcune celle, appaiono le fotografie di FB. Insomma, un prodotto ideale per chi vuole restare collegato a Facebook anche al lavoro (proxy bloccato permettendo) senza incorrere nelle ire funeste di capi e colleghi vari. Per poterlo provare, digitate nella barra degli indirizzi del vostro amato browser l'indirizzo hardlywork.in e fateci avere un feedback, grazie ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 5 luglio 2011

Google e Twitter, fine degli accordi e declino?

Ricordate l'accordo firmato solo 2 anni fa tra Google e Twitter per includere in tempo reale nei risultati delle ricerche del colosso di Mountain View i tweet da 140 caratteri del social network antagonista di Facebook? Sembra essere passata un'eternità da quegli accordi che sancivano il successo di Twitter e della sua interfaccia semplice ed immediata, dato che oggi, quei risultati cinguettanti sono spariti dalla SERP. Il patto era molto chiaro e prevedeva una scadenza avvenuta proprio sabato scorso, ed ovviamente Google si è ben guardata dal rinnovarlo, vista la messa online del suo social network delle meraviglie "Google+" che tanto sta facendo penare gli utenti del web alla ricerca degli inviti per potersi registrare e provare il funzionamento di Plus con le sue molteplici novità rispetto a Facebook. Da più parti si pensa che Twitter sia alla frutta, e che la concorrenza lo porti nel dimenticatoio del web 2.0 a far compagnia al recente MySpace, svenduto poche settimane fa ad un prezzo irrisorio o quasi (per le multimilionarie società che basano la loro fortuna su internet). Al contrario, la Microsoft continua a mantenere i tweet nei risultati di ricerca del suo motore Bing, ma anche qui si potrebbe decidere di non rinnovare gli accordi per dare maggiore spazio a Facebook che, a giorni, farà debuttare la chat e videochat integrata di Skype.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 4 luglio 2011

Novità di Facebook per contrastare Google

Google Plus è un avversario scomodo, ed il clamore attorno al lancio del nuovo social network made in Mountain View non fa che accelerare l'uscita di alcune novità sul giocattolo di Mark Zuckerberg. Indiscrezioni riguardanti le cosiddette "impressionanti novità" di Facebook parlano dell'integrazione del pacchetto Skype, il software di messaggistica istantanea, VoIP e videochat più diffuso e sicuro al mondo, direttamente all'interno del network in blu. Acquisito da Microsoft solo poche settimane fa, e grazie agli accordi stipulati con la stessa società di Zuckerberg, si pensa di allargare così il numero di utenti di FB di 150-200 milioni di unità, un salto enorme che porterebbe benefici sia alle casse di Palo Alto che di Redmond, visto che è la stessa Microsoft ad occuparsi dello sviluppo del software di integrazione tra i due servizi.
Se poi avete scaricato il client di Skype in beta, già è presente la chat integrata di Facebook che consente di scambiare messaggi istantanei dal client verso i propri amici di FB... La concorrenza del colosso Google ha messo davvero fretta a tutti, e la paura che Plus possa compromettere il futuro dell'azienda in blu è reale, tanto più alla luce del generale senso di noia e stanchezza che denuncia una grossa fetta degli utenti che quotidianamente effettuano il login a Faceboo.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 1 luglio 2011

Facebook vs Google+ sfida al miglior social network

Se Google+ ha catalizzato l'attenzione del web ed ha portato il nuovo social ad un eccesso di richieste di inviti tant'è che risulta congelato fino a nuova assegnazione di server e risorse, Facebook di sicuro non sta a guardare. In un comunicato ufficiale è lo stesso Mark Zuckerberg a dichiarare come, nei prossimi giorni, saranno introdotti su Facebook una serie di modifiche tali da rivoluzionare buona parte dell'esperienza sociale degli utenti loggati al network in blu. Niente trapela dalle sue parole, ma solo che allo sviluppo delle nuove feature di FB è stato impegnato uno staff di 40 tecnici e tutte le novità sono in fase avanzata di testing prima di essere portate online sulla piattaforma. Solo promesse per riportare i riflettori sul network di Zio Zuck? I dubbi sono tanti, ma di certo dalle parti di Mountain View non stanno dormendo: gli ingegneri di BigG sono continuamente al lavoro per migliorare le caratteristiche di Google Plus anche se, testuali parole del vicepresidente della divisione social network di Google, gli inviti sono stati bloccati perchè le richieste sono in numero incredibile ma si vuole procedere in modo attento e controllato sulla diffusione di questa nuova sfida del gigante dei motori di ricerca al network Facebook. A proposito, la nuova barra nera sulla homepage di Google e l'inutilità oggettiva dei due pulsanti "Cerca con Google" e "Mi sento fortunato" sembrano non aver riscosso il successo sperato. Tanti i commenti negativi su FB e sui siti degli utenti comuni, che lamentano soprattutto una minor leggibilità delle informazioni riportate in alto e, consigliano, di disattivare momentaneamente Javascript per evitare l'auto-suggest ed il completamento automatico della pagina con i risultati.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'