giovedì 31 marzo 2011

Processo Ruby - Berlusconi 6 aprile 2011, video virale su Facebook

Davvero notevole questo ennesimo video virale che circola su Facebook e YouTube riguardante, manco a dirlo, l'evento mediatico del secolo: il processo Ruby - Berlusconi del prossimo 6 aprile 2011. Una parodia davvero divertente da vedere tutta d'un fiato e condividere con i vostri amici sul network in blu. Eccovi il video riproposto per chi se lo fosse perso, passate parola:

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

A Google piace +1, Facebook ha fatto scuola

Nuova funzionalità rilasciata dal gigante dei motori di ricerca Google: dopo l'annuncio di Guru per Google Talk, da oggi, chi naviga sul sito americano .com ed effettua il login ad uno dei mille servizi offerti da BigG, come ad esempio la casella di posta elettronica GMail, il network YouTube o lo stesso Blogger/Blogspot, può avvalersi della facoltà di suggerire un sito web, una notizia o un link generico ai propri amici. Esattamente come avviene su Facebook, dove il pulsante "Mi Piace" / "Like" ha riscosso un notevole successo tra i 600 milioni di utilizzatori del network di Mark Zuckerberg, così Google si appresta a diffondere i suggerimenti nel suo trafficatissimo motore. La cosa che rende particolarmente interessante il Google +1 è la rilevanza, ossia la capacità propria degli algoritmi di Mountain View di attribuire un peso specifico ad ogni +1 in base a chi lo assegna ed al grado di relazione interpersonale che ha con chi vede la preferenza sul motore di ricerca. Attualmente tutto si basa sulle connessioni tramite GMail e Google Talk, ma tra poco verranno messi a punto i link a Twitter e quindi i contatti saranno valutati anche in base alle interazioni che hanno con voi sul social network del cinguettio. In particolare, se volete dare uno sguardo alla vostra vita sociale così come la vedono i server di "Gugol", potete visualizzarla nella Bacheca/Dashboard alla sezione Rete sociale e contenuti dove, ovviamente, potremo anche rimuovere le nostre preferenze, cioè i +1 assegnati, se dovessimo cambiare idea all'improvviso. Visto così si preannuncia come un grosso passo in avanti rispetto al più semplicistico Like di Facebook, e data la potenziale diffusione a livello di motore di ricerca, ha potenzialmente tutte le carte in regola per plasmare per ogni utente i risultati delle ricerche in modo del tutto personalizzato.
Ecco il video ufficiale, preso da YouTube, che illustra le nuove funzionalità introdotte con Google +1 nel consueto semplice stile al quale Mountain View ci ha abituato da tempo...

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 30 marzo 2011

Foto rianimazione su Facebook, scandalo al Misericordia di Grosseto

Ripresi e sbeffeggiati, le foto finiscono su Facebook: il set fotografico è però il reparto di rianimazione dell'ospedale della Misericordia di Grosseto. Una messa in scena da parte dei medici nei confronti dei pazienti ricoverati e ripresi a loro insaputa sui lettini dell'ospedale, alcuni anche intubati. Uno scandalo denunciato al giornale "Il Corriere della Maremma" da parte di una donna imbattutasi per caso su Facebook in alcune foto a dir poco irriverenti nei confronti degli ammalati e che risalirebbero al 2009. Un fatto increscioso per il Misericordia che vede coinvolti infermieri e medici della struttura ospedaliera intenti a giocare e scherzare tra loro con le bende a mò di mummie o ripresi con la sigaretta accesa. E non è il primo caso che accade con le foto buttate su FB alla mercè di tutti, vi ricordate il caso della Molinette che ha portato alla sospensione del personale coinvolto?
Intanto la Direzione dell'ASL-9 di Grosseto ha provveduto, come si legge in una nota diffusa alla stampa, "ad attivare le procedure disciplinari, decidendo la sospensione cautelativa dal servizio degli operatori sanitari coinvolti" che sarebbero 5 infermieri e 2 medici. Nella stessa nota si "esprime stupore e indignazione per quanto appare dalle immagini pubblicate oggi sul Corriere di Maremma. Il fatto e' giudicato gravissimo e offensivo per i pazienti e per l'impegno che, in maniera professionale, il complesso degli operatori della rianimazione e, in senso ancora più ampio, dell'intero ospedale Misericordia, prestano quotidianamente ai ricoverati e ai cittadini".

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook foto rubate e doppia denuncia

45enne denunciato (2 volte) per aver usato le foto prese da Facebook: è successo di nuovo, stavolta a Biella, dove l'uomo, previa visita sul network in blu alla ricerca di utentesse dall'autoscatto facile, avrebbe salvato sul proprio computer le relative foto pubblicate sul network ed utilizzate in una nota chat per adu1ti. L'ultima vittima, una 30enne leccese con manie di protagonismo mediatico, si sarebbe trovata un profilo aperto sull'altra chat con un appellativo del quale andare poco fiere (per usare un eufemismo) ed, ovviamente, con le foto incriminate. A seguito della denuncia da parte della ragazza, la polizia postale sarebbe risalita all'indirizzo IP della macchina che effettuava il login al profilo e da qui alla persona intestataria della linea telefonica, conoscente dell'uomo che utilizzava la sua linea a sua insaputa, probabilmente tramite rete wireless crackata... Il risultato? Una seconda denuncia all'uomo e tanti saluti sia al finto profilo che alle foto rubate! E badate bene che genere di foto pubblicate su Facebook, storie di questo tipo dovrebbero essere da monito a tutti gli utenti del network in blu mentre, purtroppo, sono diventate talmente comuni da passare in sordina :(

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 29 marzo 2011

Film streaming Facebook dalla Warner, nuovi titoli in arrivo

Warner Bros a tutta Facebook: dopo il successo di vendite per Batman The Dark Knight sono in arrivo sul social network in blu 5 titoli da poter affittare e visualizzare in streaming sul proprio computer. Nello specifico, la Warner permette, al costo di 30 Facebook Credits (equivalenti a 3 dollari, 4 per alcuni titoli) di visionare nelle successive 48 ore Harry Potter e la Camera dei Segreti, Harry Potter e la Pietra Filosofale, Inception il film del 2010 con Leonardo Di Caprio nonchè Life As We Know It, una commedia romantica, e per i più piccoli l'Orso Yoghi. Ogni film può essere visto in streaming in alta qualità con pochi click direttamente effettuando il login a Facebook quindi andando sulle pagine ufficiali di ognuno e facendo click sul "Watch Now" che campeggia al centro dello schermo come sulla pagina facebook.com/darkknight. In questo modo il "giocattolo" di Mark Zuckerberg intende dare una spinta alla diffusione dei suoi FB credits, la moneta virtuale del network utilizzabile anche e soprattutto nei giochi online che ancora stenta a prendere piede e lo fà allargando il più possibile il target dell'offerta streaming, che stavolta abbraccia i più piccoli ma anche i grandi. Il problema, semmai, è la disponibilità dei titoli ed il fatto che allo stato attuale solo i cittadini statunitensi possono usufruire dell'accordo Warner/Facebook per la visione dei film in streaming... Per non parlare della facilità con la quale eventuali hacker possono ottenere copie in alta definizione, paragonabile al Dvd-rip, dei film in streaming della stessa Warner Bros.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 28 marzo 2011

Giovanni Paolo II, boom su FB di adesioni

Il papa più amato in assoluto, Giovanni Paolo II fa il pieno di consensi anche su Facebook. In occasione della sua beatificazione prevista per il prossimo 1 Maggio 2011 a Roma, la pagina ufficiale sul network FB raccoglie in pochi giorni 37.000 "Mi Piace" ed il suo successo è destinato ad aumentare nelle prossime settimane. All'indirizzo facebook.com/vatican.johnpaul2, per chi ancora non fosse riuscito a trovare Karol Wojtyla su Facebook, ma anche su YouTube digitando youtube.com/user/GiovanniPaoloII o youtube.com/user/vatican, possiamo infatti trovare centinaia di informazioni, interviste e clip video relativi a Papa Wojtyla che ripercorrono il suo pontificato di anno in anno con tutti i viaggi pastorali ed i suoi discorsi in lingua originale. La realizzazione, con lo sforzo congiunto del Centro Televisivo Vaticano CTV, Radio Vaticana ed ovviamente il Consiglio delle Comunicazioni Sociali Pontificio porterà sotto i riflettori mediatici un vero e proprio patrimonio di risorse riguardanti il Papa e produrrà, nei giorni a cavallo della beatificazione, sia su Facebook che su YouTube, informazioni utili ai pellegrini che desiderano arrivare a Roma per partecipare dal vivo all'evento.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

domenica 27 marzo 2011

Facebook, pulsante di emergenza in arrivo?

Stando a quanto dichiarato dal consigliere per la privacy di Facebook, ogni giorno verrebbero disattivati circa 20.000 profili falsi sul network in blu, la maggioranza dei quali appartenenti ad under-13, che poi è l'età minima per poter effettuare registrazione e login a Facebook. Se questi numeri vi fanno impressione, potete considerare che solo negli Stati Uniti il numero di minori di 13 anni che accedono al network in blu dichiarando false generalità si attesta sui 3.5-3.6 milioni. Ed è proprio rivolta a loro la funzionalità allo studio da diverso tempo volta ad aggiungere su ogni pagina di FB un pulsante speciale, una specie di "Rompere il vetro in caso di emergenza" che permetterebbe di segnalare comportamenti sospetti nelle relazioni attualmente non filtrate tra mondo degli adulti e bambini. E' prevista inoltre l'apertura di un ufficio apposito con tanto di email dedicata per la salvaguardia dei minori su Facebook e la cui sede, stando alle indiscrezioni, potrebbe essere nella terra dei canguri ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

sabato 26 marzo 2011

Earth Hour 2011, l'ora della Terra

Stasera 26 marzo alle ore 20.30 scatta l'ora della Terra 2011, l'appuntamento mondiale per sensibilizzare le persone sulla sostenibilità energetica che invita TUTTI a spegnere le luci per un'ora. In realtà il logo del WWF Earth Hour 2011 presenta un 60+, ossia la volontà di andare ben oltre i 60 minuti di buio ma di iniziare a pensare ad un futuro sostenibile a livello globale. Le iniziative degli anni scorsi hanno visto già Sydney nel 2007 restare completamente al buio per 1 ora. Gli anni successivi, visto il successo dell'operazione anche sul web, hanno visto accrescere la partecipazione fino alle oltre 4000 città distribuite in 128 paesi (dati del 2010). Oggi abbiamo l'occasione di dedicare anche un minuto di silenzio per le vittime del disastro ambientale in Giappone. In Italia, per l'evento, avremo tra i testimonial il campione Massimiliano Rosolino, ma anche stelle della musica e della televisione, tra i quali citiamo Marco Mengoni e Camila Raznovich. Da Roma a Milano, che spegneranno Piazza Navona ed il Duomo, fino al black out di Superga (Torino), della Torre di Pisa e di quella degli Asinelli (Bologna), del Maschio Angioino (Napoli) fino a Ponte Vecchio a Firenze. Partecipate anche voi numerosi, anche su Facebook dopo il consueto login potete andare sulla pagina ufficiale facebook.com/pages/Earth-Hour-2011/202184559793969 che al momento vede poco più di 1000 likers.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 25 marzo 2011

Facebook Questions (Domande), quando in Italia?

Quora deve aver messo paura a Zio Zuck, che ha ben pensato di dare vita a Facebook Question (Domande in Italia). Attualmente la beta è funzionante solo in inglese ma presto potrebbe vedere la luce in tutte le altre localizzazioni. L'idea di fondo è quella di permettere agli utenti di sottoporre alla comunità in blu le domande ed ottenere risposte pertinenti, dato che negli oltre 600 milioni di utilizzatori che effettuano la login probabilisticamente si troverà una risposta adeguata a qualunque quesito che si possa avere in mente. La pagina ufficiale su FB di Questions-Domande è raggiungibile dopo il login all'indirizzo facebook.com/questions/ e presenta 3 step fondamentali: imparare dai tuoi amici, proporre domande nell'universo di Faceboo e condividere la tua conoscenza. Facendo una domanda, si può anche restringere l'insieme delle possibilità offerte oppure dare a tutti la possibilità di trovare una risposta, commentandole anche (opzione settabile da interfaccia) e riportandole sulla bacheca per darne maggiore visibilità. Non ci resta che attendere lo sblocco di Facebook Domande anche in Italia e vedere come i concorrenti, Quora, Yahoo Answer e Google "digeriranno" la novità presentata dal social di Mark Zuckerberg.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

6 giorni per ricostruire l'autostrada, Giappone da record

Circola da giorni su Facebook un link che elogia il popolo giapponese: dopo il sisma dello scorso 11 marzo che ha portato la devastazione nel paese più tecnologicamente avanzato del mondo, in soli 6 giorni è stata ricostruita una autostrada andata praticamente distrutta. E' quanto accade nel Kanto, regione a nord di Tokyo, che ha riaperto il tratto già il 17 marzo scorso. Da notare che, per la società Nexco, degli 870 km di strade danneggiate dal terremoto, già 813 km (il 93%) sono stati riaperti per la circolazione: considerando che nei giorni scorsi le scosse di assestamento, dell'ordine dei 5-6 gradi Richter ognuna, avrebbero messo già di loro in ginocchio qualunque paese occidentale (Italia compresa), non possiamo che ammirare il Giappone per quello che sta facendo in queste ore critiche. Se poi pensiamo alle condizioni pietose in cui versa buona parte delle nostre strade ed autostrade, possiamo farci un'idea di quanto grandi possano essere gli sforzi che si stanno compiendo dall'altra parte del globo per far tornare la vita alla "normalità".

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Vasco: Vivere o Niente, video su FB e YouTube

Dopo le anticipazioni dei video condivisi su YouTube e Facebook di "Eh... già!" , finalmente ieri Vasco Rossi ha presentato ufficialmente a Milano il suo nuovo album intitolato "Vivere o Niente" la cui uscita nei negozi è prevista per il prossimo martedì 29 marzo 2011. Nel cd troveremo ben 12 brani inediti registrati a Los Angeles e, come anticipato ieri, Vasco commenta il titolo dato al suo nuovo lavoro discografico direttamente dalla sua pagina ufficiale ospitata sul network di Mark Zuckerberg: "Vivere o Niente" significa che bisogna affrontare la vita con sguardo realistico, bisogna affrontarla senza considerarla una cosa sicura, certa e garantita. La vita è sempre un rischio, serve un pò di coraggio. Il video della macchina, ripreso sulla copertina, rappresente la fuga da qualcosa o da qualcuno: in particolare dall'omologazione, dai posti di blocco del conservatorismo, dall'ipocrisia e da chi vuole che Vasco stia zitto. Il Blasco scende, si guarda indietro per vedere a che punto stanno gli inseguitori, apre il cofano e da fuoco alla macchina sparendo in una nuova dimensione di libertà, senza aver lasciato tracce... Ecco la video intervista mandata in onda dal TG5 e riproposta sul network YouTube:

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 24 marzo 2011

Harry Houdini celebrato da Google e FB

In occasione dell'anniversario della nascita di Harry Houdini, al secolo Ehrich Weisz, Google gli dedica un logo-doodle a tema con tanto di lucchetto aperto, tipico trucco dell'illusionista ungherese. Oggi ricorre il 137esimo anno da quel lontano 24 marzo 1874, e da Mountain View hanno ben pensato di ricordarlo con un logo nello stile tipico dei manifesti dei primi anni del 900 quando Houdini era solito esibirsi in spettacoli che lo vedevano spesso immerso nell'acqua o appeso ad una corda liberarsi da manette, catene o camicie di forza. Su Facebook invece, la pagina "ufficiale" dedicata al celebre escapologo è raggiungibile dopo il login al network all'indirizzo facebook.com/pages/Harry-Houdini/8908937426 e conta, al momento, 15.293 preferenze. Sulla pagina troviamo foto della carriera di Houdini nonchè il logo di Google odierno che trovate riportato anche qui al lato. Per saperne di più, potete consultare anche la pagina su WikiPedia Italia: it.wikipedia.org/wiki/Harry_Houdini.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 23 marzo 2011

Addio a Liz Taylor, icona del cinema americano

A 79 anni si è spenta oggi 23 marzo Elizabeth "Liz" Taylor nella città di Los Angeles (CA) dopo il ricovero dei giorni scorsi per problemi al cuore. La notizia, rimbalzata in men che non si dica tra le agenzie giornalistiche e Facebook, è stata data dal sito TMZ, lo stesso che annunciò la scomparsa di Michael Jackson. Lutto nel mondo del cinema hollywoodiano per una delle sue stelle più brillanti, vincitrice negli anni '60 di 2 premi Oscar ed indimenticata Cleopatra dell'omonimo colossal del 1963. Sul network Facebook la pagina ufficiale di Liz contiene centinaia di foto dell'attrice ed è raggiungibile all'indirizzo facebook.com/pages/Elizabeth-Taylor/48161540958. Se volete lasciare un commento o diventarne fan, effettuate il login a FB e digitate l'indirizzo sulla barra del vostro browser oppure lanciate una ricerca per "Elizabeth Taylor". Al momento il contatore dei like è fermo a quota 18.500 Mi Piace.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Le donne su Faceboo amano mettersi in mostra

Un test sull'autostima pubblicato alcuni giorni fa che verificava, per un certo numero di donne, i profili sui social network Facebook e Badoo, ha reso noto come il voler apparire sia, per il gentil sesso, più importante che l'essere. Le due reti sociali più utilizzate in assoluto in Italia ed aperte a tutti quanti volessero trovare vecchie e nuove amicizie online, hanno evidenziato un approccio distante tra i due sessi nell'utilizzo delle stesse: i maschi pubblicano su Faceboo in media il 25% delle fotografie rispetto alle ragazze, le quali invece sembrano cercare in particolar modo l'approvazione altrui. Così le pagine pubbliche sui FB ed i profili di Badoo sono più curati ed attirano senza ombra di dubbio meglio l'attenzione se gestite da donne. L'assioma donna-oggetto e gli valori distorti che la società dell'immagine ci ha abituati da molti anni ad oggi valgono in modo particolare su entrambi. C'è anche da notare come il 40% delle ragazze ritenga perfettamente normale pubblicare foto che le ritraggono sotto l'effetto di fumo o alcool e si dichiari dipendente dagli aggiornamenti di stato su Facebook: desolante, se davvero così stanno le cose!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 22 marzo 2011

Larissa Riquelme nuove foto e 575.000 fan su Facebook applaudono

Su Facebook i fan di Larissa Riquelme sono cresciuti a dismisura dai poco più di 7000 dello scorso anno fino agli odierni 575.464, grazie ad un vero e proprio boom di sovraesposizione mediatica per la Riquelme che vuole toccare quota 1 milione di fan entro l'anno: traguardo, tutto sommato, alla sua portata vista la crescita record delle ultime settimane dei suoi fans. Se volete contribuire anche voi, ecco la pagina ufficiale su Facebook raggiungibile dopo il login digitando facebook.com/pages/LARISSA-RIQUELME/103541261009 nella barra indirizzi del browser installato sul vostro computer che contiene, ovviamente, una ricca gallery di foto della modella

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Birra Bohza fa crescere il seno, ennesima bufala su Facebook

Dalla Bulgaria ecco la birra Bohza che aiuterebbe le signore ad aumentare le dimensioni del seno: basta dunque alle operazioni di chirurgia estetica ed alle (inestetiche) protesi a base di silicone. Basterà bere un buon boccale di birra per poter vedere lievitare il proprio seno in modo del tutto naturale??? Ma quando mai, o almeno, a giudicare dai commenti su forum e blog i risultati sarebbero nulli o quasi. Probabilmente però è troppo tardi per evitare l'effetto virale e le voci che circolano di code ai bar e supermercati alla ricerca della Bohza, la birra dei miracoli che regalerebbe ben 2 misure (aargh!). Su Facebook sembra che la domanda più ricorrente non sia se funzioni oppure no, ma dove comprare questa benedetta birra Bhoza: sfortunatamente ancora non è arrivata, ma visto il successo negli altri paesi, Bulgaria in testa, dubitiamo che passerà più di qualche mese prima di vederla negli scaffali dei maggiori supermarket italiani. Una raccomandazione: non bevetela assolutamente se prevedete di dover condurre un veicolo a 2 o 4 ruote, mettereste in pericolo la vostra vita e quella degli altri visto che si tratta, nè più e nè meno, di una bevanda alcoolica!

---

Aggiornamento del 15 novembre 2011: la Boza o Bohza o Braga è una bevanda tipica dei paesi balcanici e della Turchia costituita da acqua, farina di miglio o di altri cereali, zucchero e lievito. Il miscuglio, lievemente alcoolico (circa 1 grado) è da secoli usato come energetico per colazione. La "furbata" è stata quella di farne una birra dal gusto particolare e, grazie ad un marketing particolarmente azzeccato ed alla promessa di far crescere il seno di un paio di taglie grazie ai suoi ingredienti, è diventata un vero e proprio fenomeno mediatico anche su Facebook, da sempre molto attento a questo tipo di pubblicità. Qui a destra la foto della bevanda Boza. Se volete la ricetta originale, potete fare riferimento a Wikipedia all'indirizzo translate.google.it/translate?hl=it&sl=bg&tl=it&u=http%3A%2F%2Fbg.wikipedia.org%2Fwiki%2F%25D0%2591%25D0%25BE%25D0%25B7%25D0%25B0 tradotto per chi non mastichi troppo il bulgaro...

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook profili falsi e numeri

Un dato curioso che ha destato più di un semplice interesse: su Facebook gli abitanti virtuali delle città del mondo surclassano i cittadini delle stesse. Un problema che sembra coinvolgere tutte le grandi metropoli, ma il caso più eclatante è di sicuro Madrid: la capitale spagnola sfiora i 6 milioni di utenti che dichiarano di abitare lì su Facebook, quando in realtà all'anagrafe conta 3 milioni e 200 mila persone. Ma anche in Italia non siamo da meno, a Roma per esempio possiamo contare su 4.300.000 profili a fronte dei soli 2.865.000 residenti. Che succede al network in blu? E' abitato dai fantasmi oppure ci sono in circolazione troppi profili falsi? La verità è, come sempre, nel mezzo. Da una parte gli utenti che dichiarano abitare in una certa città, intendono in realtà tutto il territorio della provincia o, al limite, la regione. Che poi i profili falsi su Facebook siano all'ordine del giorno è un dato di fatto: basta effettuare il login e lanciare una ricerca per i nomignoli a sfondo sessuale nella barra superiore di FB per rendersi conto di quanti utenti aprano profili fasulli pubblicando foto di vip più o meno famosi soprattutto di genere femminile, tanto per cambiare. Che poi, ad essere puntigliosi, è un reato punibile dalla giustizia ordinaria con la reclusione (fino ad 1 anno, ocho!) quello di fingersi qualcun altro. Se poi si lede la reputazione del vip, artista, cantante o attore, possiamo perfino incappare nella diffamazione aggravata, danni all'immagine ed altre chicche del codice penale. Insomma, andateci cauti nell'aprire profili di fantasia sul network in blu, non si sa mai che un giorno poteste essere denunciati dai signori Nontelodico, Pallino (Pinco), Boh o perfino dall'Asinello del Presepe ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 21 marzo 2011

Twitter, il primo messaggio 5 anni fà

Twitter, il social network dei 140 caratteri, festeggia i 5 anni di attività: il primo messaggio risale al 21 marzo 2006 all'una di pomeriggio circa da parte di J. Dorsey, fondatore della stessa Twitter e della sua geniale intuizione. Perchè perdere tempo con funzionalità strane e complicate che risultano inaccessibili alla stragrande maggioranza degli utenti? Il network del cinguettio fa della semplicità il suo punto forte, ecco che chi effettua il login alla piattaforma può solo postare messaggi lunghi, al max, 140 caratteri che saranno aggiornati in tempo reale per tutti i propri followers, l'equivalente degli "amici" di Facebook. Il successo è stato inaspettato, soprattutto tra i vip, ed oggi Twitter conta la bellezza di oltre 200 milioni di login e 140 milioni di messaggi ogni giorno. Non a caso è sotto gli occhi di tante grandi aziende, FB e Google in primis, che vorrebbero acquistarlo per spingere forte sulla pubblicità nel network e farci vagonate di dollari... Rovinandolo di sicuro, meglio che resti così com'è adesso!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook: GF 11 pilotato, Alessia Marcuzzi lo difende

Se il Grande Fratello fosse pilotato, non lo condurrei, sono una persona di sani principi. Con queste parole su Facebook la bionda conduttrice Alessia Marcuzzi difende a spada tratta la "sua" trasmissione dalle accuse sollevate da più parti, social network inclusi. In particolare sono venute a galla in più riprese le trame ordite dagli autori del GF per spingere i concorrenti ad intrecciarsi emotivamente tra loro per tenere alto l'audience, eppure la Marcuzzi su FB dichiara:

Ci sono molti di voi che mi insultano, sia me che gli autori del Grande Fratello, dicendo tutte le cattiverie del mondo. Volevo rispondere a una buona parte di voi, dicendovi che IL GF NON E' PILOTATO, perché se lo fosse IO NON LO CONDURREI, essendo una persona di sani princìpi. Il tutto nasce dall'eliminazione di Guendalina. Se lei viene eliminata, dal pubblico, non è colpa nostra, ma di chi l'ha votata contro.


Ma siamo sicuri? Eppure l'eliminazione di Guendalina è stata ampiamente prevista, anche su Facebook, dal fratello Edoardo, così come il nome della probabile vincitrice Rosa. Tutto sembra seguire un copione, anzi, un binario ben delineato dagli autori, stacchetti sexy ed oops "involontari" inclusi. Perfino nella causa intentata da Mediaset contro il Corriere per aver pubblicato spezzoni di video della trasmissione, il Tribunale ha ingiunto la testata giornalistica alla rimozione poichè agli estratti del Grande Fratello non può essere applicato il diritto di cronaca in quanto ritenuto nè più nè meno una fiction, ossia una narrazione di eventi immaginari e non reali... E se lo dice un tribunale, c'è da fidarsi!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

sabato 19 marzo 2011

Facebook home page sul tuo browser

Zuckerberg ci sta davvero provando: vuole portare i suoi 600 milioni e passa di utenti ad aprire Facebook come pagina iniziale al posto della gettonatissima Google.com utilizzata dalla stragrande maggioranza degli utenti web. Infatti, collegandoci al social network in blu, è possibile notare in alto, sopra la barra di stato con i collegamenti ai messaggi personali, le impostazioni e le ricerche su FB, una barra in grigio che suggerisce di trascinare l'icona Facebook su quella della homepage del browser per far diventare a tutti gli effetti www.facebook.com il primo sito aperto di default dal proprio browser. Una tattica già palesata da tempo con l'inclusione dei siti web negli IFrame del network, ora davvero evidente e sotto gli occhi di tutti. Chissà cosa ne pensano a Mountain View di questa mossa e, soprattutto, se e come reagirà Google vedendo calare il traffico se Zio Zuck dovesse convincere anche solo una minima parte dei suoi login-dipendenti...

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 18 marzo 2011

Sabato 19 marzo 2011 Luna gigante

Ragazzi, tutti col naso all'insù: domani sera 19 marzo 2011 la Luna sembrerà davvero più grande, gigante o quasi. L'effetto si verifica perchè il nostro satellite naturale raggiungerà la distanza minima dalla Terra (perigeo) equivalente a circa 356mila km. Non poco, ma abbastanza per notare un ingrandimento di pochi punti percentuali rispetto alle dimensioni solite. L'ultima volta è accaduto durante la luna piena del '92, quando nei cieli italiani apparve una Luna bellissima e più grande del normale. Su Facebook il tamtam è partito da un paio di giorni, diffondete la notizia a tutti i vostri amici sul social network e mi raccomando tutti con i nasi all'insù ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Terremoto Roma 11 maggio, Facebook effetto virale

Grave terremoto a Roma previsto per il prossimo 11 maggio 2011 con effetti disastrosi: si parla di milioni di morti e la riduzione della città eterna ad un cumulo di macerie. La profezia, ovviamente tutta da dimostrare e che non ha il benchè minimo fondamento scientifico, viene dagli scritti del defunto Bendandi, un sismologo che ha predetto, a dire il vero senza tanto successo, alcune scosse di terremoto basandosi sulle posizioni degli astri nel cielo, sul loro allineamento ed in particolar modo sull'effetto gravitazionale della Luna. Il principio da lui applicato è il seguente: se il nostro satellite riesce a sollevare gli oceani creando le maree, perchè non dovrebbe influire attrattivamente anche sulla terra ferma? Se a questo aggiungiamo particolari allineamenti degli altri pianeti, si può prevedere, sempre secondo Bendandi, le zone che saranno colpite dai terremoti. Roma in particolare potrebbe vedere tra poco più di un mese la sua fine, un pò come accade oggi in Giappone dove, nonostante i criteri antisismici e le incredibili tecnologie applicate ad ogni manufatto umano, la forza della natura è riuscita a fare tabula rasa delle città costiere del nord dell'isola e, cosa ancora più grave, l'apocalisse nucleare minaccia l'intera area. Facebook, manco a farlo apposta, ha raccolto come una spugna le profezie distruttive ed infondate di Bendandi relative al prossimo maggio, diffondendo paura e timori tra i tantissimi navigatori iscritti al network in blu. Un vero terremoto su Facebook causato dalle migliaia di link a pagine e siti web che riportano notizie allarmanti senza tenere conto della storia recente dei sismi nella capitale, davvero poca cosa rispetto a quanto annunciato per l'11 maggio prossimo. Tutti sembrano essere concordi che è la più grossa bufala del 2011, un pò come lo sarà la Fine del Mondo nel 2012 o il Millennium Bug del 1999, eppure post e messaggi di stato sembrano dare filo al pensiero apocalittico. Se volete dare uno sguardo a ciò che si dice su FB riguardo il prossimo sisma di Roma, effettuate il solito login quindi digitate nella barra degli indirizzi:

  • facebook.com/pages/11-Maggio-Terremoto-a-Roma-/115096475232369
  • facebook.com/pages/SISMA-DEVASTANTE-PREVISTO-PER-L11-MAGGIO-2011-A-ROMA-NEL-2012-IN-TUTTO-IL-MONDO/170608792965234
  • facebook.com/home.php?sk=group_137734939621828
  • facebook.com/home.php?sk=group_171011069608846
  • facebook.com/home.php?sk=group_124869390919435
Se volete saperne di più riguardo Raffaele Bendandi e le sue profezie, questa è la pagina su Wikipedia it.wikipedia.org/wiki/Raffaele_Bendandi. Se invece volete dare uno sguardo ai dati relativi ai terremoti aggiornati in tempo reale, ecco la pagina con i sismografi online ospitata qui su FB Italia.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 16 marzo 2011

Video Intel Core i5, che spot!

La seconda generazione delle Cpu per desktop e notebook ad alte prestazioni della Intel, le Core i5, è stata lanciata da poco più di un mese con uno spot apparso sulla rete e riportato anche da vari smanettoni su Facebook davvero ben fatto e che mostra le capacità di calcolo delle quali è capace la nuova unità di calcolo della Intel. Una pubblicità che è un vero e proprio mini film d'azione intitolato "The Chase", nella quale la protagonista fugge nel desktop di Windows saltando di finestra in finestra in un video che fa delle performance multimediali della Cpu i5 un vero spettacolo per gli occhi che passa tra video stile Matrix, grafici Excel, Messenger, Facebook login, videogiochi tipo GTA o Tekken, Flash Player e molto altro. Complimenti ai pubblicitari ed al marketing della Intel per questo spot davvero ben realizzato, eccovelo qui riproposto direttamente dal canale YouTube della società:

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Twitter Https, ecco come impostarlo e dire addio a FireSheep

Atteso da mesi, l'aggiornamento sulla sicurezza di Twitter è finalmente arrivato: ora il network del cinguettio supporta Https, Hyper Text Transfer Protocol over Secure socket layer, che rende di fatto la comunicazione tra il vostro terminale ed il server remoto infinitamente più sicura del vecchio, non criptato, Http e vanificando gli hacker in erba che, tramite FireSheep, tentano di rubarvi l'account quando vi collegate a reti WiFi non protette. Così come avevano fatto sia Facebook che Hotmail (GMail da parecchi mesi si era allineata, si sa che Google è sempre attenta alle questioni di sicurezza sul web), anche su Twitter è possibile usare Https modificando le impostazioni. In particolare, digitiamo twitter.com/ ed effettuiamo il login con il nostro nome e password, quindi in alto a destra nel menu dell'utente facciamo click su Impostazioni ed in basso mettiamo il segno di spunta nel checkbox [V] Usa solo HTTPS. A questo punto, dopo un click su Salva verrà richiesta la password di conferma e magicamente, nella barra del browser, apparirà l'indirizzo con tanto di protocollo sicuro https://twitter.com/ e relativo lucchetto o barra verde a seconda del browser utilizzato.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 15 marzo 2011

Facebook, tag con @ nei commenti

Introdotta quasi a sorpresa, la @ chiocciola appare nei commenti su Facebook e funziona bene: dopo averla provata, è possibile infatti citare qualcuno nei commenti sul social network clickando il tasto "@" e magari l'iniziale del nome per farsi suggerire nome e cognome degli utenti (oppure il titolo delle pagine). La modifica però non sembra funzionare ovunque, e diversi utenti di FB ci hanno segnalato come accedendo a varie ore della giornata il "reply" con la @ chiocciola, ossia il tag, preso pari pari in prestito da Twitter, a volte non funzioni proprio. Facebook si è sbrigato ad applicare la patch su tutti i server che gestiscono gli accessi al network, quindi bisogna solo pazientare affinchè il problema temporaneo di mancanza di tag venga sistemato. Da notare che, a seguito di una citazione in un commento, arriverà alla persona taggata una notifica specifica.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Google cancella profili privati 31 luglio 2011

Google Profiles, la funzionalità che utilizziamo per qualunque accesso ad uno dei servizi collegati col gigante di Mountain View, inclusi GMail, Blogger/BlogSpot e YouTube, provvederà a cancellare i profili privati dopo il 31 luglio 2011. La nota, pubblicata dalla stessa BigG (ecco il link), preannuncia una probabile modifica a tutto il pacchetto Profiles per renderlo più sociale ed in diretta concorrenza con lo stesso Facebook. La recente debacle di Buzz con relative feroci polemiche riguardanti la privacy degli utenti ha insegnato qualcosa, e per evitare il ripetersi di situazioni analoghe meglio mettere subito le cose in chiaro: come si legge nella nota ufficiale

Lo scopo dei Profili Google è consentirti di gestire la tua identità online. Ormai, quasi tutti i Profili Google sono pubblici. Siamo convinti che il miglior uso possibile dei Profili Google consista proprio nell'aiutare le persone a mettersi in contatto fra di loro e a ritrovarsi online. Dato che i profili privati non possono essere utilizzati in questo modo, abbiamo deciso che tutti i profili devono essere pubblici.

Non dimenticare: l'unico dato che sarà obbligatoriamente visualizzato nel tuo profilo è il tuo nome. Tutte le altre informazioni che non vuoi condividere potranno essere da te modificate o rimosse.

Se hai un profilo privato e non desideri renderlo pubblico, puoi eliminarlo o lasciare semplicemente le cose come stanno. Tutti i profili privati saranno eliminati dopo il 31 luglio 2011.

La notizia dà un forte scossone ai paladini della privacy ad ogni costo, e di certo non piacerà a tutti gli utenti che hanno scelto Google, e non Facebook, proprio per questioni di sicurezza e riservatezza dei dati. L'ennesimo passo da gambero per BigG contro la navigazione anonima o la naturale evoluzione della vita virtuale degli utenti sul web? Mahhh...

PS: per poter vedere ed eventualmente modificare i nostri dati personali relativi a Google, basta digitare nella barra del browser l'indirizzo https://www.google.com/dashboard/ che presenta, raggruppate, tutti i dati relativi all'utente loggato.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Guendalina Tavassi eliminata... come da copione!

Guendalina è fuori: come già sospettato e riportato in numerosi siti web e forum, il televoto ha decretato che a lasciare la casa tra Giordana, Rajae e Guenda fosse proprio la Tavassi. Reduce da una settimana a dir poco amara, scopre che Remo, padre di sua figlia e del quale è ancora innamorata, aspetta un bambino da una nuova compagna e che si appresta a sposarla. Lo shock è enorme per la ragazza, e gli autori pensano bene di invitare lo stesso Remo in trasmissione (a tutto vantaggio dell'audience) che si becca del vigliacco da Guendalina e dello schifoso da Margherita. A proposito di Marghe, anche Nando entra nella casa a fare visita alla mora ma, dopo i primi abbracci, le viene riproposto un video da Le Iene. Il risultato? "Fai schifo, vattene, sei uno str0nz0!" e viene in malomodo cacciato via dalla casa. Un grosso applauso per Margherita anche su Facebook, tutte le donne d'Italia sono con lei. Ma per Guenda c'è qualcosa che non va: la conferma dallo stesso fratello di Guendalina Tavassi, Edoardo, che ha rilasciato delle dichiarazioni a dir poco clamorose. Il Grande Fratello 11 è totalmente pilotato con un meccanismo perverso nel quale già si conosce il nome del vincitore del GF11. La nomination della sorella è stata ampliamente prevista, così come la sua eliminazione, gia nella settimana scorsa, ed entrambe si sono verificate. La produzione Endemol nonchè Mediaset, a detta di molti su Facebook e leggendo tra i numerosi commenti lasciati anche in occasione dell'eliminazione di Angelica e messaggi di stato nelle bacheche, non ci sta facendo una bella figura... O forse è solo una eliminazione data dall'alleanza dei vari gruppi sul network in blu (Ferdinando, Rosa e gli altri) contro la "falsa" della casa.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 14 marzo 2011

MotoDays a Roma terza edizione col botto!

Finale col botto ieri alla Fiera di Roma: il MotoDays 2011, salone di moto e scooter giunto alla terza edizione nella capitale, ha visto la partecipazione lungo i 4 giorni della manifestazione di ben 108.000 visitatori totali, il 15% in più rispetto allo scorso anno. Magari grazie al miglior sfruttamento del web motodays.it e dei network sociali, Facebook in primis con la pagina facebook.com/pages/peoplemotodays/162161733762, o al passaparola dei partecipanti alle scorse edizioni, quest anno l'organizzazione è stata ottima e la partecipazione delle case motociclistiche e dei customizzatori davvero degna di nota. Peccato per il tempaccio di ieri, piovoso e con forti raffiche di vento, anche se agli stand l'atmosfera era davvero calda, anche grazie alla presenza di numerose ragazze immagine (alzi la mano chi non ha assistito allo strip delle Coyote Ugly?!?) nonchè alla presenza di grandi campioni del mondo delle due ruote, a cominciare dall'indimenticabile campione SBK Troy Bayliss fino al capitano della AS Roma Francesco Totti. Le moto, in primo piano, tutte bellissime, con la Honda che ha mostrato uno degli stand più grandi portando oltre 50 veicoli tra naked, sportive e le custom, ma anche Triumph, come al solito sempre attenta ai clienti con tante moto (la Rocket III con motore 2.400cc è da record) e belle figliole a fare da cornice alle sue creazioni, senza dimenticare la Ducati che ha mostrato, oltre alla Monster The Doctor e Kentuchy Kid, una fintissima Desmosedici #46 (in realtà solo la vecchia moto di Casey Stoner con i nuovi colori gialli di Valentino) e la MV Agusta F3, una 675cc a tre cilindri bella da paura. A proposito di custom, grande successo per i padiglioni delle moto all'americana, e tra le varie Harley Davidson e Victory faceva capolino anche l'italianissima HeadBanger Motorcycles che realizza mezzi per "palati raffinati" 100% omologati e fatti in Italia. Insomma, ce n'era davvero per tutti i gusti ed i numeri hanno dato ragione ancora una volta agli organizzatori ed appassionati di motori.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Referendum Nucleare, risparmiamo 400 milioni di euro

"Maroni, fai risparmiare all'Italia 400 milioni di euro": con questo slogan è stata lanciata la campagna virale sui principali media, incluso ovviamente Facebook, per accorpare le elezioni amministrative di Maggio con il referendum per fermare il ritorno dell'Italia al nucleare. Il motivo è presto detto, infatti si risparmierebbe la ragguardevole cifra di circa 400 milioni di euro di soldi pubblici e si faciliterebbe la partecipazione democratica dei cittadini. L'idea, per GreenPeace, è quella di ottenere energia dalle fonti rinnovabili, e nello specifico con quegli stessi 400 milioni risparmiati si potrebbero costruire impianti eolici per dare energia a 200.000 famiglie italiane. Chiedi anche tu al Ministro Maroni di votare per il referendum il prossimo Maggio e farci risparmiare soldi pubblici, che di questi tempi non è mai una cattiva idea. Se volete partecipare, basterà andare sulla pagina ufficiale greenpeace.org/italy/it/campagne/nucleare/maroni-referendum-nucleare oppure tramite Facebook, dopo il consueto login al network, digitate facebook.com/greenpeace.international per accedere alla pagina con già oltre 768.000 fan nella quale trovate anche il link al Facebook Unfriend Coal (facebook.com/unfriendcoal) per far si che l'enorme data center di Facebook nell'Oregon si alimenti ad energia proveniente da fonti rinnovabili e non da carbone. Partecipate numerosi ad entrambe le iniziative, grazie!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

sabato 12 marzo 2011

GMail smart label, etichette intelligenti by Google

GMail, uno dei client di posta elettronica più efficiente e diffuso al mondo, si aggiorna ed introduce una novità che risulterà davvero gradita a quanti utilizzano le sue funzionalità per smistare grandi volumi di email. Google Labs ha infatti proposto agli utenti l'aggiornamento di GMail con le Smart Labels, le etichette intelligenti che, lavorando in coppia con la Posta Prioritaria, riescono a riconoscere le email in arrivo ed a smistarle in modo algoritmico nelle varie cartelle dell'utente. Ovviamente nella posta indesiderata andrà tutto quanto ci arriva dalle amate-odiate newsletter e/o mailing list dei vari forum ai quali ci siamo incautamente iscritti comunicando il nostro indirizzo GMail. Nelle cartelle Forum, Avvisi, Promozioni e In blocco troveremo invece le email ricevute dai gruppi ai quali partecipiamo e gli aggiornamenti di Facebook, Twitter e gli altri social network, oltre ovviamente gli eventi o le notifiche orarie di eventuali reminder che abbiamo attivato e la posta potenziale spam. Insomma, tanto ordine in più nella nostra casella di posta elettronica ci voleva proprio. Per attivare le Smart Labels, entriamo in GMail con le solite credenziali di login e password, quindi in alto a destra facciamo click su Impostazioni, Labs e ricerchiamo "Smart Label". La descrizione riporta: "

Assegna automaticamente i messaggi di tipo collettivo, le notifiche o i messaggi dei forum a delle categorie. Per etichettare i messaggi con tali categorie vengono creati dei filtri, mentre i messaggi collettivi vengono esclusi dalla Posta in arrivo per impostazione predefinita. Per modificare le impostazioni predefinite o per creare nuovi filtri, vai a Impostazioni > Filtri. Puoi segnalare errori nell'assegnazione dei messaggi alle categorie utilizzando il menu a discesa Rispondi.
Quindi ci basta mettere la spunta sul radio button "Attiva" e dimenticandoci di tutto continuare ad utilizzare tranquillamente la nostra casella di posta elettronica Google.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 11 marzo 2011

The Darkness su FB l'annuncio del terzo album?

Dati per finiti solo 5 anni fa, con una brutta storia di alcool e cocaina per il cantante Justin Hawkins, i The Darkness stanno invece lavorando per un nuovo terzo album a tutto rock. La band, nata musicalmente nel 2003 con l'uscita del disco "Permission To Land" ed esplosa dopo "One Way Ticket to Hell... And Back" sembra confermare le indiscrezioni che vorrebbero la reunion con Frankie Poullain, Ed Graham e ovviamente i fratelli Justin e Dan Hawkins e lo fa tramite il social network Facebook ed un sito web principale theactualdarkness.com. Su Facebook in particolare, all'indirizzo facebook.com/thedarknessofficial accessibile dopo il consueto login al network, manca solo l'ufficialità, ma i 3300 likers della pagina aperta da soli 20 giorni sono in fervente attesa delle dichiarazioni della band britannica. Ricordiamo che Justin, frontman dalla voce acuta e che si ispira musicalmente ai Queen ma in versione "trash", ha pubblicato l'ultimo album nen 2009 con gli Hot Leg mentre gli altri membri, cambiato nome in Stone Gods, si sono sciolti un anno fa... Che il nuovo album dei The Darkness esca sotto Natale, un pò come successo per la canzone Christmas Time (Don't let the bells end)?

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 10 marzo 2011

Cancellarsi da Facebook o disattivare l'account...

Arrivata nella giornata di ieri in redazione l'ennesima email su come cancellarsi da Facebook definitivamente, ossia quale sia la procedura più semplice per dire addio a FB, agli amici virtuali ed agli aggiornamenti in bacheca. Senza ombra di dubbio, se volete fare un lavoro preciso e puntiglioso, prima di cancellarvi dovrete eliminare una per una le vostre foto e dati personali per poi procedere cosi:

Da parte sua il network avverte che:
Se non utilizzerai più Facebook in futuro e desideri che il tuo account venga eliminato, possiamo occuparcene. Tieni presente che non potrai riattivare il tuo account, né recuperare alcun contenuto o informazione da te aggiunta. Se desideri che il tuo account venga eliminato, fai clic su "Invia".
In realtà passeranno giorni (mesi) prima che i dati contenuti sul server di Facebook e replicati in varie farm di backup vengano effettivamente rimossi, ecco perchè consigliamo, prima della cancellazione, di provvedere manualmente ad eliminare tutte le vostre tracce virtuali sul network togliendo foto, commenti, amicizie e dati personali.

Se invece voleste solo disattivare l'account di Facebook per un certo periodo, o magari non siete troppo decisi a cancellarvi definitivamente da FB, basterà in questo caso andare nel menu Account -> Impostazioni Account e fare click in basso sul link disattiva per la disattivazione "soft". In qualsiasi momento potrete recuperare le vostre amicizie, fotografie e quanto caricato sul network in blu semplicemente rieffettuando il login.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Forbes, gli uomini più ricchi del mondo 2011

Come ogni anno la Forbes pubblica l'elenco delle persone più ricche del mondo 2011. La classifica include personaggi provenienti da tantissime nazioni ma non spiega come diventare ricchi. Al contrario, gli studi più recenti indicano che la felicità si raggiunge con un salario medio annuo pari a 75.000 dollari, non di più nè di meno. Ecco la top 20 degli uomini più ricchi in assoluto:

  1. Carlos Slim Helù, 74 miliardi di dollari (dai precedenti 53.3 del 2010) patron della Telecom messicana
  2. Bill Gates padre della Microsoft ha un patrimonio di 56 miliardi di dollari (53 nel 2010)
  3. Warren Buffet, 50 miliardi di dollari (rispetto ai precedenti 47), la sua fortuna sono stati gli investimenti
  4. Bernard Arnault è passato dai 27.5 miliardi di dollari del 2010 ai 41 miliardi del 2011 grazie alle forniture di beni di lusso
  5. Larry Ellison, 39.5 miliardi (28 nel 2010), patron di Oracle
  6. Lakshmi Mittal passato da 28.7 a 31.5 miliardi nel 2011, uomo dell'anno 2006 e leader mondiale dell'acciaio e del ferro
  7. Amancio Ortega, 31 miliardi di dollari (dai precedenti 25) lavora e guadagna nel campo della moda
  8. Eike Batista, 30 miliardi di dollari (27 nel 2010) possiede varie holding principalmente nell'industria mineraria
  9. Mukesh Ambani, 27 miliardi (in calo rispetto ai 29 dello scorso anno) della Oil & Gas Conglomerate
  10. Christy Walton & Famiglia, 26.5 miliardi (rispetto ai 22.5), ha fatto soldi con la catena di negozi al dettaglio Walmart
  11. Li Ka-shing, 26 miliardi (dai precedenti 21), possiede varie holding ed è l'uomo più ricco del sud est asiatico
  12. Karl Albrechtl, 25.5 miliardi di dollari (rispetto ai precedenti 23,5 nel 2010), possiede i Discount-supermarket Aldi Sud
  13. Stefon Persson, 24.5 miliardi di dollari (22,4 nel 2010) è il presidente della H&M
  14. Vladimir Lisin, 24 miliardi, new entry in classifica che deve la sua fortuna alla lavorazione dell'acciaio
  15. Liliane Bettencourt, 23.5 miliardi (20 nel 2010) è padre della L'Oreal
  16. Sheldon Adelson, 23.3 miliardi di dollari, new entry anche lui, possiede alcuni casinò
  17. David Thomson & Famiglia, 23 miliardi di dollari dai precedenti 19, possiede la compagnia di informazione Thomson Reuters
  18. Charles de Ganahl Koch, 22 miliardi (17.5 nel 2010), ha una delle più grandi aziende del mondo
  19. David Koch, 22 miliardi di dollari, fratello di Charles e coproprietario delle Koch Industries
  20. Jim Walton, 21 miliardi di dollari (20.7 nel 2010), anche lui deve la sua fortuna alla Walmart


Nessuna sorpresa riguardo i primi posti in classifica, un pò di delusione per gli italiani: il più ricco è Michele Ferrero, 32esimo in classifica mondiale, con un patrimonio di soli 18 miliardi di dollari. Poi viene al 71esimo posto Leo Del Vecchio, patron di Luxottica, con i suoi 11 miliardi di dollari e solo 118esimo il nostro Premier Silvio Berlusconi che ha un patrimonio di 7,8 miliardi di dollari (rispetto ai 9 del 2010). Giorgio Armani arriva al 136esimo posto con i suoi 7 miliardi di dollari di patrimonio.

E' interessante notare la classifica per nazione degli uomini più ricchi, sempre pubblicata da Forbes, che vede nella top 20:
  1. Stati Uniti, 8 miliardari
  2. India e Francia, 2 miliardari
  3. Spagna, Hong Kong, Brasile, Messico, Germania, Russia, Canada con 1 miliardario

E Mister Facebook Mark Zuckerberg??? E' solo al 52esimo posto con i suoi "miseri", si fa per dire, 13,5 miliardi di dollari di patrimonio, aumentato in un solo anno di oltre il 238%... Un boom che va di pari passo con la diffusione di Facebook nell'intero web e che, probabilmente, nell'arco del 2011 lo vedrà entrare di prepotenza tra i primi 20 uomini più ricchi del mondo.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 9 marzo 2011

Facebook e social network sotto attacco dai virus

Pubblicati solo 2 giorni fa, i dati riguardanti la sicurezza sul web della Dasient, nota società specializzata in virus e sicurezza informatica, sembrano quasi un bollettino di guerra: la crescita dei malware è fuori controllo e la probabilità che, navigando, un utente incappi in un virus presente in una pagina web infetta è pari al 30% in 10 giorni e del 95% in soli 90 giorni! Da quanto riportato si evince che nessuno è al riparo da queste minacce soprattutto perchè i social network, come Facebook, Twitter ma anche le piattaforme di intrattenimento audio-video tipo YouTube, sono facilmente sfruttabili dagli hacker per distribuire in minor tempo le proprie creazioni malevole tramite script o link verso risorse infette. Eppure la lotta alla diffusione di virus e affini sta dando i suoi frutti, dato che gli sforzi effettuati tra le società che si occupano di sicurezza e gli stessi web master, senza dimenticare Google che include al suo interno un algoritmo estremamente sofisticato per segnalare software malevoli presenti in un sito ed avvertire gli utenti già dalla ricerca, riesce a contrastare il fenomeno o per lo meno a cancellare le risorse infette in tempi brevi. In calo la diffusione di file eseguibili per email, la lotta si sposta di più verso il phishing, ossia contro le pagine web che "sembrano ma non sono", Facebook e siti di banche online incluse. C'è da notare, infine, che gli attacchi tramite malware utilizzano un ristretto gruppo di exploit facilmente intercettabili perchè già noti. Uno dei problemi sollevati è che i social network non effettuano abbastanza controlli sui link che vengono postati dagli utenti, e per giunta il fatto di utilizzare gli accorciatori di indirizzi (url-shortener) rende l'individuazione di potenziali pericoli ancora più difficoltosa. Un software che vi tenga alla larga da qualsiasi pericolo per il momento non esiste, quindi usate il cervello quando navigate sul web ed evitate di visitare su link che non conoscete, perfino se questi provengono da Facebook o da uno dei vostri amici sui social network.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

OpenSuse 11.4 alternativa a Win7 e Ubuntu

Prevista tra poche ore la release 11.4 di OpenSuSe, una delle più popolari distribuzioni Linux al mondo che cerca di essere una semplice, robusta e funzionale alternativa allo strapotere di Microsoft nell'ambito dei sistemi operativi. SuSe porta con se da tempi storici l'integrazione con KDE, il gestore del desktop simile allo stesso Windows ma con funzionalità avanzate tipiche del mondo Linux, anche se funziona egregiamente con Gnome o gli altri gestori più leggeri e performanti. Parzialmente messa in ombra dal successo di Ubuntu, questa nuova release porta con se alcune novità, tra le quali segnaliamo la semplificazione del processo di installazione anche per netbook ed portatili meno recenti. In questo caso il desktop verrà gestito da Smeegol, un derivato dal sistema operativo Intel Meego, molto veloce e reattivo, anche se è sempre possibile far funzionare sia KDE che Gnome a patto di avere abbastanza Ram sul nostro device portatile. Infine l'inclusione di Yast e WebYast per configurare qualsiasi parametro della nostra macchina sia da locale che da remoto, una specie di pannello di controllo di windows-iana memoria, ed il pensionamento dell'HAL (hardware abstraction layer) che porterà indubbi benefici prestazionali per l'utente finale. Scelta come distribuzione Linux anche dallo staff del nostro blog FB Italia per la sua semplicità d'uso e, soprattutto, per il fatto di essere 100% gratuita e ricca di software installabili, OpenSuse sarà scaricabile tra poche ore all'indirizzo opensuse.org.

---

Aggiornamento dell'11 marzo 2011: le prime impressioni dopo l'installazione di OpenSuse 11.4 avvenuta nella giornata di oggi. A parità di computer utilizzato, il tutto sembra essere molto più reattivo e veloce, se si esclude però l'effetto "Blur" nella gestione 3D delle finestre che sembra avere seri problemi sia con la scheda integrata nel chipset Intel che con la Nvidia. Suse 11.4 si affida al kernel 2.6.37 con l'ultima release del KDE 4.6 ed include di fabbrica la versione beta 12 di Mozilla Firefox e Libre/OpenOffice. Probabilmente le migliorie più apprezzate sono la rimozione dell'HAL ed il rinnovo di YaST/Zypp che ora sembra volare letteralmente negli accessi ai repository del software rispetto alla vecchia criticatissima versione. Sul sito ufficiale è possibile effettuare il download della Live KDE che si avvia direttamente dal CDRom, della Gnome, della versione DVD (non Live) e Network.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 8 marzo 2011

Facebook non funziona, ecco come fare il login ad ogni costo

Anche stasera sembra che Facebook abbia qualche problema di DNS: o risponde con la pagina bianca di errore o risulta terribilmente lento, tant'è che spesso il browser restituisce la classica "pagina non trovata". C'è però un piccolo trucco utilizzabile in questi malaugurati casi, e consiste nel provare ad effettuare il login a FB digitando, invece del consueto indirizzo, una di queste alternative:

  • x.facebook.com aprirà una versione leggera senza tanti fronzoli del network sociale blu, una specie di mix tra la versione mobile e l'ormai defunta Facebook Lite
  • touch.facebook.com, stessa funzionalità dell'indirizzo precedente
  • m.facebook.com invece è utile nel caso disponiate di un dispositivo portatile tipo Android o iPhone e vi reindirizzerà alla versione mobile di FB: da provare anche se meno funzionale e decisamente più scomodo dell'interfaccia classica
  • 69.63.189.17 è l'indirizzo IP diretto (che bypassa il nostro DNS) nel caso sia colpa dell'Internet Service Provider al quale ci appoggiamo... una specie di ultima spiaggia nel caso ci fosse impedito il login a Faceboo!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Angelica Livraghi out, Facebook non l'ha presa bene

Nella puntata di ieri del Grande Fratello 11 Alessia Marcuzzi ha comunicato, a sorpresa, che Angelica Livraghi aveva perso al televoto e doveva uscire dalla casa più spiata d'Italia dopo 140 giorni di prigionia mediatica. Eppure c'erano sia Biagio che Davide, non propriamente amati quanto Angelica, soprattutto su Facebook dove la bella ragazza, complice qualche oops nel confessionale in diretta tv, era diventata una delle favorite del pubblico sul social network di Zio Zuck. Piuttosto Davide Baroncini non risulta così seguito e, a detta di molti, era lui il concorrente più probabile a dover abbandonare la casa nella puntata di ieri sera. Ma il giudizio del pubblico da casa ha deciso per Angelica, forse spinta fuori dal gruppo sostenitore di Guendalina che le ha televotato contro in modo compatto molto più degli altri micro-gruppi di Facebook che fanno capo agli altri concorrenti, Livraghi compresa, che ha dovuto quindi abbandonare il gioco. Non che vogliamo sollevare dubbi sulla regolarità del gioco o insinuare che le eliminazioni, come le nomination, siano in realtà pilotate dalla regia del Grande Fratello per fare più audience possibile secondo un copione studiato a tavolino, ma sicuramente il malcontento registrato su Facebook nei tanti commenti che hanno accompagnato le sorti di Angelica qualcosa vorrà pur dire! E voi che ne pensate? Lasciate un commento se vi và ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Festa della Donna 2011, frasi e auguri per tutte le donne

La Giornata Internazionale della Donna 2011 festeggia oggi il 100esimo anniversario della ricorrenza: anche Google lo ricorda con un logo-doodle dedicato al gentil sesso che apre una pagina appositamente costruita (google.it/events/iwd2011/) dove si invitano tutti ad incontrarsi sui ponti di tutto il mondo, da Brooklyn a New York al Millennium Bridge a Londra per mostrare il loro appoggio alla causa femminile. E' possibile inviare denaro alle organizzazioni che si adoperano per migliorare la condizione delle donne in tutto il mondo e viene mostrata la mappa con tantissimi luoghi dove sono presenti iniziative particolari per la ricorrenza della Festa delle Donne.

Una delle richieste più gettonate sul web riguarda però le frasi di auguri da inviare per sms alla propria donna, che sia una fidanzata, una moglie, una mamma o una o più colleghe di lavoro. Ecco alcune delle più belle frasi per tutte le donne... Buon 8 marzo a tutte!

  • Auguri a tutte le donne, le creature più meravigliose e complicate che Dio ha creato
  • All'unica donna speciale della mia vita e che amo con tutto me stesso, tanti auguri con tutto il mio amore
  • Voglio fare gli auguri alla donna che riesce a rendere unico ogni momento passato insieme a lei
  • A te che riesci a farmi battere il cuore con un solo sguardo voglio dedicare tutto il mio amore in questa giornata speciale
  • Buon 8 marzo alla donna che ha rapito il mio cuore
  • Tanti auguri alla persona che riesce ad essere amante, amica, moglie, mamma e soprattutto donna
  • Nel giorno della festa di tutte le donne voglio rivolgere il mio primo pensiero a te che sei sempre l'unica donna speciale della mia vita

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 7 marzo 2011

Videochiamate Facebook con Skype

Già da un anno gli accordi tra Skype e Facebook per la reciproca integrazione avevano smosso le torbide acque della chat sul network in blu, ora arrivano ulteriori voci che confermano la volontà di Mark Zuckerberg di importare la videochiamata su Facebook utilizzando proprio il know-how e le tecnologie proprietarie di Skype. In questo modo verrebbe a completarsi il sistema di chat e messaggistica di Facebook alquanto semplicistico rispetto a quanto potrebbe offrire la piattaforma: immaginate che effetto potere effettuare videochiamate tramite FB senza bisogno di plugin esterni o altri magheggi strani. Potrebbe decretare di colpo la fine dei concorrenti, primo tra tutti Msn Live Messenger ma anche mettere un bastone tra le ruote a Google ed alla sua integrazione della webcam nella chat di GMail/Google Talk. Skype da parte sua vanta un utilizzo del 41% di videochiamate sul totale e se dovesse prendere piede l'integrazione con Facebook sarebbe un grande colpo: ovviamente tutti smentiscono, nella migliore delle ipotesi, o non rilasciano commenti (come J. Cauckin, intervistato sul rumors). Vi terremo aggiornati in caso di novità ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Angry Birds, online su Facebook a marzo

Avete presente Angry Birds, il popolare gioco uscito per Apple iPhone, Android e poi sbarcato su Playstation 3, PSP, Pc Windows, Mac e Linux nel quale dovete catapultare degli uccelli colorati per distruggere il castello dei maiali verdi? Il "casual game" della Rovio sta superando ogni barriera hardware/software e presto avremo la versione nativa per il social network Facebook. Si vocifera che entro la fine del mese sarà online l'applicazione ufficiale che avrà alcune modifiche rispetto alla versione mobile del gioco: infatti già da settimane Angry Birds era pronto per Facebook ma è stato bloccato perchè non conforme alle policy dell'azienda di Palo Alto. Riscritto il codice ed aggiunto un lato sociale ad Angry Birds (???), lo vedremo presto online su FB con sfide, punteggi e altre news ancora non comunicate. Se manterrà le caratteristiche di immediatezza e semplicità del gioco originale (e dei suoi innumerevoli cloni gratuiti), scommettiamo che avrà un indiscusso successo anche su Facebook!
Per chi non lo conoscesse nè ci abbia ancora mai giocherellato, ecco un trailer di Angry Birds gentilmente offertoci dal social di condivisione video YouTube:

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'