sabato 27 febbraio 2010

Problemi di posta con Facebook ed account disabilitati

Ancora problemi con le caselle di posta, ma questa volta GMail non c'entra nulla: accade invece che, dopo aver effettuato il login a Facebook, vi accorgiate di non poter più fare alcuna azione perchè il vostro account è stato temporaneamente disabilitato: infatti un bug nella casella di posta del social network in blu sta recapitando lettere ai destinatari sbagliati. Così, per evitare un effetto a catena nel quale si ricevano email contenenti dati personali da parte di perfetti sconosciuti, Facebook ha ben pensato di risolvere il problema alla radice sospendendo temporaneamente gli account interessati dal problema. La soluzione del bug è ancora in corso da 3 giorni e nel frattempo gli account sospesi sono stati parecchi: tra questi, quello di un giornalista del Wall Street Journal il quale, prima della disabilitazione del login, ha reso pubblica la scoperta. Facebook è stato costretto a correre ai ripari prima di venir sommerso dall'ennesima polemica per la privacy violata degli utenti.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 26 febbraio 2010

Alberto Tomba spara a zero su Facebook

Addio medaglie per Carolina Kostner solo 16esima alle Olimpiadi di Vancouver (Canada), ed il resto della truppa italiana sembra l'armata Brancaleone. A metterci il carico da 11 il campione dello sci azzurro Alberto Tomba, che liquida senza mezze misure le prove incolori degli atleti italiani alle Olimpiadi Invernali. La spiegazione, secondo lui, è tutta da individuare nella situazione attuale in Italia: "altro che Facebook, i ragazzi dovrebbero essere obbligati a fare sport, perchè solo una applicazione costante negli allenamenti può portare alle vittorie". Poi Alberto Tomba rincara la dose: "Altro che social network, dovrebbero impegnarsi nello sporting network".
E se a dirlo è uno che saltava gli allenamenti a due a due finchè non diventavano dispari...

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 24 febbraio 2010

Fans su Facebook di Mauro Marin, tutti contro Maicol

E' diventata una vera e propria battaglia mediatica quella dei 270.000 fan di Mauro Marin su Facebook: stavolta nel mirino è finito nientemeno che Maicol, l'unico della casa del Grande Fratello 10 ad avere abbastanza fan ed estimatori fuori dalla casa per poter concorrere alla vittoria finale. Nei giorni scorsi il salumiere è stato addirittura isolato da tutti gli inquilini coalizzati, tanto da essere ignorato in qualunque attività interna della casa (prima volta nella storia del reality). Mauro offeso, maltrattato, emarginato... ma amatissimo dal pubblico fuori dalla casa e dalla comunità di Facebook. Se volete supportare il salumiere di Castelfranco Veneto, fate login a Facebook e diventate fan alla pagina ufficiale facebook.com/pages/Mauro-Marin/162567803107... e votate Maicol al 48422!!!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Yahoo si fonde con Twitter, tutti contro Google

Microsoft, nè tantomeno Google stesso, avevano pensato ad un legame tanto profondo con Twitter quando hanno firmato accordi nei mesi scorsi per l'integrazione dei tweet nei risultati dei motori di ricerca. Yahoo ha giocato il tutto per tutto e dovrebbe permettere l'accesso a Twitter direttamente da Yahoo Mail senza effettuare un login separato, nonchè dalla home page e, si suppone, anche da Flickr. Si potrà quindi aggiornare il proprio stato e tweettare direttamente da Yahoo! ed assisteremo, finalmente, una integrazione tra il social network concorrente di Facebook ed il motore di ricerca numero 2 al mondo (c'è da notare che in Asia, Yahoo Search è utilizzatissimo). Di sicuro questo accordo darà nuovo slancio ad entrambi gli attori nonchè parecchio denaro, che sarà investito per far fronte alla smisurata crescita (e richiesta di server) che sta avendo il social network del cinguettio da un anno ad oggi.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 23 febbraio 2010

Rubate migliaia di password di login a Twitter

Il social network del cinguettio, a fronte del grande successo ottenuto negli ultimi mesi, deve fare i conti con un massiccio attacco hacker. Da alcuni giorni infatti in rete viaggiano email che invitano gli utilizzatori di Twitter a fare login su una pagina di accesso falsa che permette ai soliti pirati informatici di ottenere le credenziali di accesso degli account. Al momento sono migliaia le password rubate, il che ha permesso, tra l'altro, di creare una rete di pc "zombie" in grado di eseguire ordini a distanza senza l'autorizzazione dell'utente ed a sua completa insaputa, in modo da diffondere ancora di più malware e messaggi di spam ai propri contatti sui social network, Twitter e Facebook in testa. Considerando poi che le password di login a Facebook e Twitter spesso sono identiche, il fenomeno inizia a destare qualche preoccupazione.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Marco Mengoni su Facebook, i fan sono con lui!

Quasi 13.000 iscritti al gruppo ed oltre 70.000 fan per la pagina dedicata a Marco Mengoni su Facebook, la stella di X Factor esplosa a Sanremo con un 3' posto e tanti strascichi polemici dovuti a presunti plagi. Il ritornello accusato è "Forse si, forse no" ed è stato lo stesso Morgan, ex maestro di Marco fino a poco tempo fa, a dichiarare che il brano "Credimi Ancora" è molto simile ad una sua canzone. Putiferio su Facebook Italia, ma gli ammiratori non ci stanno e smontano Morgan citando Tiziano Ferro e la sua "Per un pò sparirò". Ecco il testo:

E forse sì forse no, molto attento, distratto
ti sei chiesto mai perché capita che
farsi male è più facile che darsi un bacio
per quale motivo non so
per un po’ sparirò.


Il bue che dà del cornuto all'asino? O solo un modo divertente per calmare le polemiche? A noi della redazione di Facebook Italia, le 3 canzoni sembrano diverse, ognuna con un propria identità musicale che poco ha a che vedere con i plagi... Anzi, avremmo preferito vedere Marco Mengoni un gradino più su nel podio di Sanremo, anche se la canzone di Pupo e di Emanuele Filiberto era davvero una schifezza toccante e poco credibile.
Se volete anche voi diventare fan di Marco Mengoni, ecco l'indirizzo su Facebook: facebook.com/pages/MARCO-MENGONI/118754257853

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 22 febbraio 2010

Puzzle Bobble (clone) su Facebook

Oggi presentiamo un gioco ispirato a Puzzle Bobble, il videogame della Taito nato ormai più di 15 anni fa nel quale il giocatore doveva "sparare" delle bolle colorate ed appiccicose sul soffitto raggruppandole per colore in modo da evitare di raggiungere il suolo. Molto semplice nella logica ma divertente ed immediato, riscosse un notevole successo su praticamente ogni piattaforma, ed ancora oggi viene giocato sugli smartphone di ultima generazione, iPhone incluso. Bubble Island è una copia di Puzzle Bobble non proprio identica ma ben adattata al social network Facebook, nel quale il giocatore ha quante più vite quanti più amici riesce a coinvolgere nel gioco. Un'altra particolarità è nel soffitto, che "cade" ogni 2 bolle lanciate, rendendo più impegnativo l'obiettivo di far esplodere tutte le bolle. Se volete provarlo digitate http://apps.facebook.com/bubbleisland nella barra del vostro browser e fateci sapere se vi è piaciuto questo Bubble Island.
Se invece volete cimentarvi in una partitina "al volo" a Puzzle Bobble in flash senza effettuare il Facebook login, eccovelo qui pronto da giocare:

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

domenica 21 febbraio 2010

Deridiamo i bambini down, su Facebook nuove polemiche

Se i gruppi-polemica contro il Festival di Sanremo e la canzone del fischiatissimo trio Pupo-Emanuele Filiberto-Luca Canonici non vi scalfiscono più di tanto, ecco il piatto forte della giornata: gruppi contro i bambini down. Pagine vergognose aperte su Facebook come tante altre dal titolo inquietante: "Giochiamo al tiro al bersaglio con i bambini down" e che conta ben 800 iscritti. L'oscuramento del suddetto può essere effettuato solo dai gestori del social network, a meno di una rogatoria internazionale. Il nostro consiglio è di fare login a Facebook e segnalare il gruppo, magari, partecipando anche ad uno dei tanti gruppi aperti per contrastarlo: "Facciamo chiudere il gruppo 'DERIDIAMO I BAMBINI DOWN'"conta quasi 40.000 membri è raggiungibile all'indirizzo http://www.facebook.com/group.php?gid=316864506541

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 19 febbraio 2010

Bersani su Facebook mentre spala il fango

Pier Luigi Bersani risponde prontamente al sottosegretario Guido Bertolaso, che ironicamente chiedeva al leader del PD in caso di terremoto chi andasse a spalare: "Consiglio a Bertolaso umiltà, meno arroganza, e di volare basso. Con me capita male, io a 15 anni spalavo a Firenze!".
Sul profilo di Facebook di Bersani intanto hanno fatto la loro comparsa 3 foto del novembre 1966 quando, ancora quindicenne, a seguito dell'alluvione che colpi Firenze, si recò li volontario. Nelle foto il lavoro degli "angeli del fango"... Secondo voi chi dei due dovrebbe abbassare la cresta? Questo è il link su Flickr per le foto flickr.com/photos/21817975@N04/2247001220/, mentre se volete diventare fan (al momento superano le 16.000 unità) ecco la pagina su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Pierluigi-Bersani-Pagina-Ufficiale/127457477096

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

I gruppi a favore delle frane su Facebook

Facebook ancora al centro delle polemiche: dopo i tristi eventi dei giorni scorsi che hanno colpito la Calabria e la Sicilia, sul social network in blu sono nati diversi gruppi in favore delle frane, viste come punizioni divine scagliate contro i "terroni". Vi risparmiamo la pubblicazione dei messaggi lasciati dagli utenti sulle bacheche di tali gruppi, se volete leggere cosa hanno potuto gli oltre 2300 di "Stanno franando la Sicilia e la Calabria... finalmente" effettuate il login al network e digitate nella barra degli indirizzi del vostro browser http://www.facebook.com/group.php?v=wall&gid=321925624576. Confidiamo nel buon senso dei gestori di Facebook per la repentina chiusura del gruppo incriminato.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 18 febbraio 2010

Mauro Marin ha più fan di Silvio Berlusconi su Facebook

"Presidente, scusi il sorpasso": è quanto riporta oggi la fan page di Mauro Marin su Facebook, che dall'alto dei suoi 208.010 iscritti, ha superato di gran lunga il numero di fan del premier Berlusconi, fermo a 204.278. Così non sono bastate le puntate del Grande Fratello 10 del lunedi tutte improntate a mettere in cattiva luce il concorrente trevigiano, nè le liti furibonde tra Mauro e Veronica: in pratica i due sono stati separati, come al solito, dagli altri inquilini dopo l'ennesimo faccia a faccia fatto di urla, grida, insulti (anche pesanti) e di tutto il peggio che potesse vedersi in televisione. Motivo per il quale la regia ha ben pensato di oscurare la diretta dalla casa del GF 10 per alcuni minuti, al termine dei quali, tanto per cambiare, abbiamo ritrovato Veronica in lacrime. Secondo noi della redazione di Facebook Italia, il vincitore del Grande Fratello sarà proprio Mauro, visti anche i dati del sondaggio letteralmente a senso unico in favore del trevigiano... Vai Mauro!!!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook Login, quando Google ci mette lo zampino...

Diciamocelo chiaramente: Internet è pieno di persone che lo utilizza senza avere la più pallida idea di come funzioni. La cosa più preoccupante però è che le stesse persone, che per pigrizia non riescono a digitare www.facebook.com nella barra dell'indirizzo del proprio browser, ma si affidano ai risultati restituiti da Google, non riescono nemmeno a distinguere il classico Facebook Login sul social network da un articolo pubblicato su un blog (ReadWriteWeb). E' accaduto qualche giorno fa, ed ancora oggi l'articolo risulta nelle primissime posizioni se si digita su www.google.com la query "facebook login", tra l'altro suggerita dal motore di ricerca. Migliaia di utenti che, alla vista di una schermata alquanto insolita, hanno chiesto il perchè del cambiamento dell'interfaccia di Facebook e diffuso la notizia ai 4 venti che, in men che non si dica, ha portato migliaia e migliaia di visite extra al fortunato blog... Potenza del motore di ricerca (o della stupidità degli utenti)? Nel dubbio, continuo a consigliare a tutti di controllare, quando si digitano i propri dati di login a Facebook, che l'indirizzo nella barra del browser sia quello solito!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Presentato Facebook Zero al Mobile World Congress 2010

Più leggero di Facebook Lite, la versione ridotta della piattaforma destinata alle utenze prive di ADSL, esordisce al Mobile World Congress 2010 il nuovo Facebook Zero, pensato e scritto da zero (o quasi) per adattarsi all'utilizzo su smartphone e dispositivi mobili con risorse limitate.
Definito come la "migliore interfaccia per smartphone", a Facebook Zero mancano tutte le principali applicazioni, giudicate troppo pesanti. Mark Zuckerberg e soci stanno spingendo verso accordi con i diversi operatori telefonici internazionali per permettere a tutti gli utenti di effettuare Facebook Login dal proprio dispositivo mobile in modo completamente gratuito: al momento nè TIM, Vodafone nè tantomeno gli altri operatori che operano in Italia offrono tanto... Speriamo si diano una svegliata!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 17 febbraio 2010

Bug su Google Buzz, utenti a rischio

Google Buzz mostra altre crepe sulla sicurezza: una svista di programmazione scoperta dall'hacker TrainReq metterebbe a rischio migliaia di account di utenti a causa dei soliti criminali informatici. SecTheory, una azienda specializzata nella sicurezza online, classifica il bug a livello medio, e dichiara che ogni volta che gli hacker entrano nello spazio virtuale di un utente, possono appropriarsi di tutto ciò che è pubblicato per compiere attività illecite sul web. E questo è quanto potrebbe accadere a migliaia di ignari utenti. Per sfruttare il baco basterebbe inserire codice malevolo nelle pagine web di Google Buzz, e, grazie a tecniche di phishing, rubare l'identità virtuale dei malcapitati. Google ha dichiarato ieri che una patch sarà rilasciata entro poche ore e risolverà il problema in modo definitivo.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Quelli che ucciderebbero Mauro Marin

Il concorrente più amato ed odiato di questa edizione del Grande Fratello 10 è senza ombra di dubbio Mauro Marin: su Facebook, accanto ai gruppi a suo sostegno, è nato da poche ore il discutibile gruppo di "Quelli che vorrebbero uccidere Mauro Marin del Grande Fratello". 28 iscritti al gruppo che vorrebbero fargliela pagare in qualche modo, alcuni che minacciano una denuncia all'amministratore del gruppo. Al momento la pagina non è raggiungibile, speriamo a causa di una pronta censura da parte del social network...

---

Aggiornamento del 19 febbraio 2009:

Da ieri sera il gruppo incriminato contro Mauro Marin del GF 10 non risulta più raggiungibile in quanto cancellato.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 16 febbraio 2010

Pagina fan di Angelo Izzo su Facebook

Rabbia su Facebook per la pagina di Angelo Izzo, personaggio pubblico al pari di altre più degne celebrità e tristemente noto alle cronache come il mostro del Circeo: Angelo Izzo è stato condannato a 2 ergastoli (che sta scontando nel carcere di Velletri nei pressi di Roma) a seguito delle atrocità compiute a partire dagli anni 70 fino al 2004, quando in regime di semilibertà uccise di nuovo a Ferrazzano... Su Facebook intanto si invitano gli utenti a segnalare come contenuto inappropriato la pagina. Le proteste, al momento non sono state ascoltate e la pagina per diventare fan resta ancora attiva all'indirizzo http://www.facebook.com/pages/Angelo-Izzo/67616000232 e conta 59 fan :(

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

lunedì 15 febbraio 2010

Protesta su Facebook, addio lingerie e intimo

In Arabia Saudita è esplosa una protesta insolita: niente più acquisti in negozi di lingerie e biancheria intima per 2 settimane. L'idea, nata manco a dirlo sul social network Facebook, ha preso piede in men che non si dica dall'attivista Rim Asaad, docente di economia di Gedda, stanca di dover rivelare a commessi uomini la propria taglia di reggiseno e misura di slip. Tramite un post pubblicato sulla sua pagina di Facebook ha incitato tutte le donne a non recarsi per gli acquisti per 15 giorni nei negozi di biancheria intima (dove lavorano solo commessi maschi) per difendere i diritti delle donne in un paese dove vigono leggi rigidamente ispirate all'Islam e che vietano contatti con uomini non del circolo familiare. Il governo sta vagliando la proposta di autorizzare commesse di sesso femminile a poter lavorare nei negozi di lingerie intima per evitare questi contatti...

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

E' morto Gian Fabio Bosco del duo comico Ric e Gian

E' morto poco fa all'età di 73 anni all'ospedale di Lavagna (GE) dove era ricoverato da qualche giorno per aneurisma l'attore Gian Fabio Bosco del duo comico teatrale e televisivo "Ric e Gian". La notizia della scomparsa è stata data da Lino Banfi stesso, amico del defunto attore. Per chi volesse diventare fan di "Ric & Gian - I re della risata" su Facebook, questo è l'indirizzo da digitare nella barra del browser: http://www.facebook.com/pages/Ric-Gian/122228374337

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

sabato 13 febbraio 2010

Facebook login da 65 a 100 milioni per cellulari

Il numero di utenti che effettua login a Facebook tramite cellulari evoluti (smartphone) è cresciuto drasticamente negli ultimi 6 mesi: gli utenti che si connettevano solo a settembre 2009 tramite iPhone o qualunque altro cellulare evoluto era pari a 65 milioni, oggi i dati parlano di almeno 100 milioni di login pari ad un utente su 4. Facebook sta diventando un fenomeno talmente diffuso su larga scala che è divenuta una necessità sociale quella di collegarsi quotidianamente per aggiornare le proprie informazioni personali e leggere le ultime notizie dai propri amici sul social network! Una curiosità: recenti sondaggi indicano, per la gioia di tutti i maschietti, che le donne preferirebbero 3 settimane di astinenza piuttosto che essere offline per lo stesso periodo dal web... Meditate gente, meditate!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 12 febbraio 2010

Virus e malware per San Valentino

Se ricevete in queste ora strane email con gli auguri di San Valentino magari scritte in inglese e che riportano link da clickare per inviare auguri alle vostre amate, beh, evitate accuratamente di farlo: come al solito, in occasione della festa degli innamorati, i cyber croock si scatenano inondando le caselle email nonchè i social network Facebook e Twitter di malware e virus di vario genere, che permetteranno a programmi dannosi di installarsi nei computer dei poveri malcapitati catturando ogni genere di informazione, dai propri documenti alle password di login ai pin bancari e chi più ne ha più ne metta. Quindi, state attenti e non abboccate!!!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 11 febbraio 2010

Google Buzz, primi problemi di privacy

Il nuovo social network integrato in GMail e lanciato solo ieri ha già seri problemi di privacy: a suscitare polemiche sono, in particolare, il meccanismo che seleziona in automatico gli amici di Buzz ed il collegamento tra Google Buzz ed il profilo pubblico di chi fa login a GMail. La lista dei followers è infatti compilata in modo totalmente automatico dal sistema prendendo in considerazione i contatti con i quali l'utente chatta più di frequente. Il problema è che chiunque, dopo aver visitato il profilo dell'utente, vede questa informazione. Per ovviare a ciò e ristabilire un minimo di privacy bisognerà modificare a mano le impostazioni di sicurezza su Google Buzz. Un mezzo passo indietro sulla sicurezza degli utenti proprio da Mountain View non ce l'aspettavamo...

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Google, dopo Buzz, diventa un ISP Ultra High Speed

Da motore di ricerca padrone del web ad Internet Service Provider il passo non è breve, ma a Mountain View non ci fanno caso: così, dopo aver rivoluzionato la propria casella di posta elettronica GMail nella giornata di ieri facendola diventare, con Google Buzz, un vero e proprio social network in miniatura (per la gioia di Facebook che al contrario pensa di aprire a breve una email tutta sua @facebook.com), ora è il turno di fare concorrenza spietata alle compagnie telefoniche proponendosi come ISP (Internet Service Provider). L'idea è quella di fornire un accesso Ultra High Speed che viaggia, anzi, corre almeno 100 volte più veloce delle attuali tecnologie ADSL basato tutto su fibra ottica. Si parla di velocità dell'ordine di 1Gbps (quando l'amata-odiata mamma Telecom nonchè le sue sorelle minori ci propinano ancora un internet a singhiozzo che viaggia a pochi Mbps, ossia 1000 volte più lenti, se tutto va bene). Per il momento solo alcune città degli Stati Uniti sono raggiunte dal servizio che copre attualmente 50.000 persone (nelle prossime settimane il numero salirà a 500.000). Viste le premesse, sarà un sicuro successo!!!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

mercoledì 10 febbraio 2010

No Fiat? No Fiorello!

Su Facebook è stato creato il gruppo "No Fiat? No Fiorello" per cercare di convincere lo showman (siciliano d.o.c.) a non pubblicizzare più le automobili della Fiat nel momento in cui la Fiat stessa chiuda lo stabilimento di Termini Imerese lasciando senza lavoro migliaia di operai (si parla di circa 2200). L'appello è anche andato in onda su Rai3 nell'edizione odierna (Fiorello aiutaci). Tantissimi i messaggi lasciati sul profilo Facebook di Fiorello e sui tanti gruppi nati da quando Marchionne ha annunciato la chiusura dello stabilimento di Termini Imerese. Se volete partecipare alla protesta, ecco il link al gruppo: facebook.com/group.php?gid=283557444731

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Esce Google Buzz, il social network dentro GMail

In anticipo su quanto preventivato, Google rilascia oggi Buzz con l'idea di mettere i bastoni tra le ruote a Twitter, Facebook e compagnia bella. Google Buzz sarà un servizio totalmente intergrato nella casella di posta elettronica GMail e permetterà di condividere aggiornamenti di stato, video, foto e quant'altro ai propri contatti in rubrica. Il tutto condito con la consueta semplicità d'uso alla quale ci ha ormai abituati il colosso dei motori di ricerca: il progetto infatti è stato pensato da zero con l'idea di rendere tutto il più immediato e fruibile possibile agli utenti. Da notare che Buzz è già compatibile con tutti i dispositivi mobili, i quali permettono, ciliegina sulla torta, di aggiungere la posizione geografica dalla quale si "posta". A giorni saranno rilasciate anche le API per gli sviluppatori. Per maggiori informazioni e per un video dimostrativo in pieno stile "Mountain View" visitate il sito ufficiale all'indirizzo http://www.google.com/buzz.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

martedì 9 febbraio 2010

Meglio il Vip oggi o la Patata Sexy domani?

Facebook è indubbiamente pieno di gente fuori di testa, che apre gruppi dai nomi assurdi e dagli intenti ancora più strani. Gironzolando per il social network però, salta all'occhio una moda dilagante: quella di aprire pagine che sfidano i vari Vip in quanto a numero di fan. Il blog AllFacebook ha da poco stilato una classifica che parla chiaro: tira più una patata sexy di Miley Cirus!

Ecco una classifica parziale dei gruppi che sfidano apertamente le star del
cinema o della musica con ortaggi di vario genere ed oggetti comuni...

  1. Can this page facebook Onion Ring get more fans than Justin Bieber? - 2,184.400 fan
  2. Can this Sausage Roll get more fans than Cheryl Cole? - 832.317 fan
  3. Can this Purple Monster I made on Paint get more fans than the President? - 655.000 fan
  4. Can this Sexy Potato get more fans than Miley Cyrus? - 458.700 fan
  5. Can this Pickle get more fans than Nickleback? - 288.165 fan
  6. Can this Pickle get more fans than Twilight? - 273.192 fan
  7. Can this Troll Doll get more fans than Jonas Brothers? - 58.098 fan

Il proverbiale dubbio, se sia meglio il vip oggi o la patata sexy domani, sembra trovare su Facebook una risposta più che esaudiente ;)

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

GMail incorpora Orkut e sfida Facebook?

400 milioni di utenti che effettuano login a Facebook contro "appena" 176 milioni che si autenticano su Google Mail: il gigante dei motori di ricerca non vuole arrendersi al social network in blu, così pensa di portare dentro GMail un vero e proprio social network con tanto di news, commenti e scambio di foto. Lo scopo è quello di non lasciare il mercato totalmente nelle mani di Facebook e tentare il colpo grosso. In brasile, d'altronde, la scommessa è stata più che vinta con il social network Orkut, con oltre il 70% dei brasiliani collegati ad esso. A livello mondiale invece si pensa di ampliare le funzionalità di GMail, e nelle prossime settimane, se le indiscrezioni che circolano in rete dovessero risultare vere, potremmo sperimentare di persona cosa ha in mente BigG.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

domenica 7 febbraio 2010

Immagini di S. Valentino per blog (e gruppi su Facebook)

La festa degli innamorati si avvicina e, viste le molte richieste giunte in redazione, ecco una raccolta di foto per San Valentino da dedicare alla vostra lei (o al vostro lui)... Se poi desideraste diventarne fan, ecco l'indirizzo da digitare sulla barra di navigazione del vostro browser: facebook.com/festa.di.san.valentino. Se invece siete tra quelli che odiano questa festa, iscrivetevi al gruppo facebook.com/group.php?gid=118703115229 ;)
Tanti auguri in anticipo da parte di Facebook Italia!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

sabato 6 febbraio 2010

Facebook prepara le email nome.cognome@facebook.com

Vi è piaciuto l'ultimo restyling dell'interfaccia di Facebook in occasione del suo sesto compleanno? Allora gradirete di sicuro la prossima mossa del social network in blu che, a quanto sembra, potrebbe far tremare anche un colosso come Google togliendogli lo scettro per la webmail più utilizzata GMail. Infatti, il gigante in blu sta seriamente portando avanti lo sviluppo di una casella di posta elettronica gestibile via Pop3/Imap per tutti i suoi 350 milioni di utenti, che vedrebbero aprirsi un indirizzo del tipo nome.cognome@facebook.com per ricevere email esterne a Facebook e dal quale poter fare altrettanto (per la gioia degli spammer). Il progetto Titanium, così dovrebbe chiamarsi, porterebbe ulteriori montagne di denaro nelle casse di Mark Zuckerberg e soci ed avvicinerebbe ancor più Facebook al gigante Google!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

venerdì 5 febbraio 2010

Gruppi Facebook per salvare il Fantabosco

Facebook vuole salvare la Melevisione ed il Fantabosco: niente battaglie ambientaliste pro wwf, macchè, la mobilitazione riguarda la futura chiusura a partire dal prossimo settembre 2010 dei programmi di Rai 3, tra i quali la storica "Melevisione" di Tonio Cartonio (che non è morto di overdose), Milo Cotogno, Lupo Lucio e soci...
Il CDA Rai sembra infatti voler ridurre i costi ed ottimizzare, ma su Facebook monta la polemica: perchè dare a gente come Paris Hilton 500.000 euro per una serata a Miss Italia e rimpinguare le casse dei partecipanti all'Isola dei Famosi (per non parlare di Sanremo 2010) togliendo lo spazio al GT Ragazzi e agli altri spazi per i più piccoli?
Se volete partecipare ed iscrivervi al gruppo che conta 1337 iscritti, ecco l'indirizzo: http://www.facebook.com/group.php?gid=284568621156 mentre se volete scrivere una email di protesta contro mamma-Rai potete inviare le vostre lamentele a ufficiostampa@rai.it

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Facebook cambia faccia (ed interfaccia)

Se anche voi siete tra quelli che, dopo aver effettuato il login a Facebook, vi ritrovate con una pagina strana ed insolita, beh, state tranquilli: il gigante dei social network ha infatti deciso che la nuova interfaccia a lungo sperimentata è sufficientemente apposto per essere adottata da tutti e 350 milioni degli utenti sparpagliati agli angoli del mondo! Le modifiche interesseranno, di volta in volta, tutti i server del pianeta. La cosa che subito salta all'occhio è di sicuro il posizionamento delle notifiche e delle richieste riguardanti i propri amici. Anche il link alla Facebook Home page è stato spostato così come i tab sono diventati (a detta del gruppo di sviluppo) più semplici da utilizzare. Altre modifiche sono state apportate alla barra laterale sinistra contenente i feed, i contatti per la chat di Facebook ed i giochi ed applicazioni (messi più in basso). Insomma, tante novità messe nel calderone: ma a voi... sono piaciute???

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

giovedì 4 febbraio 2010

Piratare gli account di Facebook con Facebook Controller

Azim Poonawala, hacker di 26 anni che usa come nome di battaglia Quaker Doomer (il nick è tutto un programma!) ha inserito una propria creazione sul suo blog. Il programma in questione si chiama Facebook Controller e serve ad analizzare le comunicazioni tra il social network in blu ed i computer che interagiscono con lui ed attraverso i cookie di sessione (senza rubare la password di login) riesce ad ottenerne il controllo. L'hacker Quaker Doomer ha rilasciato il software 2 settimane fa sul proprio blog e ci scherza su ("Stai cercando Facebook Controller? Vai via, ho tolto il download... Scherzo!!!")
Il solo fatto che esista un software del genere dimostra quanto poco sia sicuro l'uso dei social network: il programma infatti permette il controllo di più account contemporaneamente ed il suo utilizzo è estremamente facile. Da Facebook dichiarano di essere tranquilli e che protezioni per programmi del genere esistono già: infatti basta monitorare quegli account che si comportano tutti allo stesso modo tutti allo stesso momento... Alla faccia della privacy degli utenti!!!

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'

Suicidio su Facebook, 17enne

Andrea Parpinello, 17enne di Ponte di Piave (Treviso), si è tolto la vita sparandosi col fucile da caccia del padre. Il ragazzo soffriva di depressione e ieri sera, verso le 19, ha prima scritto un biglietto alla sua famiglia, quindi ha compiuto l'estremo gesto: i soccorsi immediati non hanno potuto nulla per salvargli la vita, Su Facebook il 29 gennaio scorso prima di uccidersi aveva aderito al gruppo "Hai mai pensato di farla finita?" ed aveva inviato la foto del fucile ad un gruppo dedicato alle armi, proprio come quella utilizzata per togliersi la vita.

Se ti è piaciuto l'articolo, faccelo sapere con un 'Mi Piace'